/ Economia

Economia | 18 aprile 2020, 10:00

In tre mesi 131 imprese in meno: e la botta del Covid19 deve ancora farsi sentire

L'analisi dei dati della Camera di Commercio relativi al primo trimestre dell'anno

In tre mesi 131 imprese in meno: e la botta del Covid19 deve ancora farsi sentire

Il sistema imprenditoriale vercellese nel corso del primo trimestre del 2020 registra un tasso di crescita negativo, in misura sotto al punto percentuale e simile a quello del vicino biellese. Un dato che risente delle chiusure di fine 2019 e che, pur non essendo ancora condizionato dall'emergenza Coronavirus, vede il numero delle imprese vercellesi calare di 131 unità, un risultato frutto del saldo tra le 245 nuove iscrizioni e delle 376 cessazioni. 

Lo rende noto la Camera di Commercio di Vercelli e Biella nel report trimestrale sui numeri dell'imprenditoria locale. Il bilancio tra le imprese “nate” e le imprese “cessate” si traduce in un tasso di crescita pari a -0,82% in provincia di Vercelli, dato che riflette percentuali analoghe alla media regionale (-0,82%) e a quella nazionale (-0,50%). Lo stock di imprese complessivamente registrate presso il Registro delle imprese al 31 marzo 2020 ammonta a 17.343 unità biellesi e a 15.859 unità vercellesi.

 

“I dati relativi al primo trimestre 2020 - commenta Alessandro Ciccioni, presidente della Camera di Commercio di Biella e Vercelli - mostrano movimentazioni difficili da decifrare per i valori assoluti piuttosto bassi, considerando che i numeri di questa prima parte dell’anno risentono delle chiusure che vengono comunicate alla fine dell’anno antecedente. Le note restrizioni operanti da marzo a causa dell'emergenza Covid-19 e gli effetti conseguenti allo stato di eccezionalità in cui l'economia reale si sta muovendo, temo che appesantiranno negativamente il bilancio demografico delle imprese nel breve periodo. Per quanto ingente sia lo stanziamento messo a disposizione per imprese e lavoratori da parte del Governo, la crisi che ci aspetta nel prossimo futuro richiederà certamente misure che rendano ordinario lo snellimento della burocrazia, l’accesso al credito, l’incentivo a fare impresa. Si tratta di tematiche che, nell’ambito delle proprie competenze, il sistema camerale continuerà a perseguire nell’attività di sostegno delle aziende”.

Analizzando il tasso di variazione percentuale dello stock per settore, la lettura del grafico evidenzia per Vercelli dinamiche generali in negativo. Come per la realtà biellese anche in provincia di Vercelli sono i comparti del commercio (-1,60%) e dell’agricoltura (-1,34%) a mostrare le tendenze meno incoraggianti. Anche il turismo soffre un calo superiore al punto percentuale (-1,11%). 

Il sistema delle imprese artigiane della provincia di Vercelli manifesta, nel corso del primo trimestre 2020, una contenuta flessione (-0,6%), inferiore alla tendenza media regionale piemontese e nazionale. In lieve calo, sopra la media registrata, in relazione al peso in termini di numeri assoluti, solo il comparto dei servizi (-1,0%) che, analogamente a quanto rilevato per Biella, aveva mostrato nel 2019 una tendenza di crescita.

Lo stock di imprese artigiane della provincia di Vercelli registrate al 31 marzo 2020 è pari a 4.514 unità.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore