/ Cronaca

Cronaca | 04 marzo 2020, 09:01

Processo ai guardiaparco, parlano i testi della difesa

Ad Alagna non c'era la timbratrice e nemmeno la sede

Processo ai guardiaparco, parlano i testi della difesa

La mancanza della timbratrice e di una sede. L'orario flessibile, l'utilizzo di pc e apparecchiature personali per svolgere attività a favore dell'ente. La disponibilità a lavorare in via straordinaria se c'erano situazioni di emergenza. Parlano i primi testi della difesa al processo in corso contro Sandro Bergano e Mattia Sandrini, i due dipendenti del Parco Naturale Alta Valsesia finiti nei guai per truffa al termine di un'indagine dei Carabinieri. E i testi chiamati in aula dai legali dei due guardiaparco offrono una visione diversa della situazione che si viveva all'interno dell'ente. 

La Procura contesta ai due imputati di non aver rispettato l'orario, svolgendo attività private invece di lavorare.  A sostegno i controlli effettuati sui cellulari, i dati emersi da un localizzatore piazzato nell'auto di servizio e alcune riprese. I testi della difesa hanno dato un quadro diverso della situazione. Facendo emergere una serie di criticità logistiche che venivano affrontate quotidianamente. Ad Alagna paese, ad esempio, non c'era una sede e nemmeno la timbratrice che certificasse orari di ingresso e di fine lavoro dei dipendenti - una situazione che era anche stata oggetto di una serie di interlocuzioni con il sindacato e con l'Ufficio del Lavoro; ma anche nella sede di Varallo i due guardiaparco non avevano un ufficio o delle scrivanie. In caso di bisogno ci si aggiustava in qualche modo e un discorso analogo valeva per alcune strumentazioni (ad esempio alcuni lavori grafici venivano fatti da Sandrini con il computer personale).

La moglie di Bergamo ha raccontato al giudice Enrica Bertolotto che in alcune occasioni accompagnava il marito con la propria auto, lasciando dunque ferma quella di servizio. E poi c'era il tema dei controlli da effettuare in alcune valli dichiarate Siti di Interesse Comunitario ma esterne al territorio del Parco Naturale vero e proprio (ad esempio le valli Otro e Vogna).  Si torna in aula a maggio per ascoltare gli altri testi della difesa e la versione degli imputati.

fr

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore