/ Cronaca

Cronaca | 30 ottobre 2019, 14:10

Predone di rame colpisce alla Ifi: arrestato un 30enne

L'uomo aveva stipato in auto due quintali e mezzo di cavi elettrici. E' finito in manette per furto aggravato

Predone di rame colpisce alla Ifi: arrestato un 30enne

Aveva in auto più di due quintali e mezzo di cavi elettrici. Un carico piuttosto insolito alle 5 del mattino. Soprattutto se non si può giustificarne l'origine e se si viene fermati a pochi metri da una stazione ferroviaria e da un'azienda da poco chiusa.

Così il 30enne fermato nella notte dai carabinieri della stazione di Santhià, già noto per diversi reati contro il patrimonio, è finito in manette con l'accusa di furto.

L'uomo è stato controllato la notte scorsa, intorno alle 3,45 della notte dai carabinieri, impegnati con più pattuglie in orario serale e notturno, soprattutto lungo le principali vie di comunicazione. Una pattuglia dei carabinieri di Santhià lo ha fermato intorno alle 3,45 a bordo di un veicolo sul quale non veniva rinvenuto nulla di particolare. Alle forze dell'ordine l'uomo, ha dichiarato che stava tornando a casa e così i militari lo hanno lasciato andare. Verso le 5, però, il mezzo è stato notato nuovamente nei pressi della IFI e a pochi metri dalla stazione ferroviaria. I carabinieri hanno così deciso di procedere nuovamente al controllo del mezzo che questa volta era stipato da oltre 2,5 quintali di cavi elettrici.  

B.V. 30 enne è stato accompagnato in caserma e al termine delle formalità è stato dichiarato in arresto per furto aggravato. Nella mattinata di mercoledì è stato tradotto innanzi al tribunale di Vercelli per la celebrazione del processo per direttissima.

I cavi di rame, del valore di diverse centinaia di euro, sono stati restituiti ai gestori della società che hanno formalizzato la denuncia di furto.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore