/ Salute

Salute | 29 ottobre 2019, 11:35

Un manicotto che migliora la qualità della vita dopo l'asportazione della prostata

Grazie a un piccolo dispositivo installato nel reparto di Urologia di Vercelli, il paziente può controllare l'incontinenza urinaria

Lo staff di Urologia che ha effettuato l'intervento

Lo staff di Urologia che ha effettuato l'intervento

È un piccolo dispositivo, ma è in grado di migliorare in modo significativo la qualità di vita per le persone che, dopo aver subito l’asportazione della prostata, hanno problemi di incontinenza urinaria.

È stato eseguito nei giorni scorsi - nella struttura di Urologia dell’Asl di Vercelli diretta dal dottor Giovanni Cipollone - un intervento mini invasivo su un paziente che nel 2015 aveva subito una prostatectomia radicale. Un’operazione effettuata dai medici Gianluca Mastroprimiano sotto la guida dell’urologo parigino Christophe Llorens, l’ideatore di questo piccolo strumento.

“Questo device – spiega il primario Cipollone – è costituito da un manicotto gonfiabile avvolto all’uretra e da un serbatoio con un meccanismo di attivazione. È il paziente stesso che  premendo un piccolo pulsante contiene l’urina per poi avere il controllo sull’espulsione nel modo corretto. L’intervento per l’installazione di questo sfintere artificiale è stato eseguito in anestesia spinale attraverso due piccole incisioni: una in sede perineale e l’altra inguinale”.

L’incontineenza urinaria è una delle complicanze che possono verificarsi dopo l’asportazione della prostata a causa di un tumore. Questa tipologia di intervento si rivela efficace nel caso in cui persistenza un problema severo di incontinenza. Il paziente è stato dimesso dopo due giorni di degenza.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore