/ Cronaca

Cronaca | 26 ottobre 2019, 12:11

Rubano alcolici al Carrefour h24: un arresto e una denuncia

Ancora nei guai il marocchino che, a morsi, aveva quasi staccato un polpastrello a un carabiniere

Rubano alcolici al Carrefour h24: un arresto e una denuncia

E' finito nuovamente nei guai il giovane marocchino che, qualche settimana fa, a bordo di un treno fermo in stazione a Vercelli, ha quasi staccato un polpastrello a un carabiniere, mordendolo violentemente.

leggi anche: BLOCCA IL TRENO E AGGREDISCE I CARABINIERI

Questa volta il giovane è finito agli arresti per il tentato furto di bottiglie di alcolici che, con un complice, aveva sottratto dagli scaffali del Carrefour Express di via XX Settembre.

L'episodio risale alla sera di venerdì 25 settembre: intorno alle 21, i carabinieri della sezione radiomobile della Compagnia di Vercelli sono intervenuti, su richiesta della centrale operativa, per la segnalazione relativa a due giovani che, dopo aver staccato l'antitaccheggio, avevano nascosto bottiglie di liquore sotto i vestiti.

All'arrivo, i carabinieri hanno subito riconosciuto T.S., uno dei due malfattori, che, due settimane fa, era stato arrestato per resistenza e lesioni plurime a pubblico ufficiale. In quel contesto la pattuglia era intervenuta alla stazione ferroviaria di Vercelli su richiesta del capotreno che lamentava l'impossibilità di far partire il convoglio a causa del comportamento del giovane (che privo di biglietto si era attaccato al freno di emergenza bloccando il treno) e il 23 marocchino alla richiesta di scendere dal treno ed esibire i documenti aveva iniziato a mordere i carabinieri che poi erano stati costretti a ricorrere alle cure mediche. Nel passato di T.S., inoltre, c'era già una precedente denuncia da parte di alcune ragazze che, dopo essere state ospitate a casa sua, l’avevano accusato di averle derubate. E, anche allora, accompagnato in caserma aveva insegnato un’azione isterica aggredendo alcuni militari che avevano cercato di riportarlo alla ragione, con la conseguenza di essere arrestato per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale.

T.S. venerdì sera è stato quindi nuovamente arrestato, questa volta per tentato furto, mentre il suo complice è stato denunciato a piede libero con le medesime accuse. Le due bottiglie di liquore sono state restituite al gestore del supermercato. L’arrestato è stato portato alla casa circondariale di Billiemme e, nella mattinata di sabato, è stato presentato innanzi al Tribunale per il processo per direttissima.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore