Cronaca - 25 ottobre 2019, 23:04

Addio a Leo Alati, grande medico e uomo del Psi

Emanuele Caradonna: "Perdo un grande amico, un uomo d'oro. E aveva il socialismo nel sangue"

Addio a Leo Alati, grande medico e uomo del Psi

“Una bellissima persona e un grande Compagno”: Crescentino dice addio a Leo Alati, medico e storico esponente del Partito Socialista.

Aveva 65 e ad annunciare la sua morte sono stati, con un breve messaggio sui social, la moglie Gabriella, medico, e i figli Guglielmo e Corrado. Calabrese di origine, viveva a Crescentino da tempo e, da circa un anno, era malato. In politica di sempre, nei primi anni 2000 fu assessore nella cittadina, nel corso del primo mandato di sindaco di Marinella Venegoni; poi rimase sempre in politica, candidandosi alle Comunali e poi appoggiando l'ex sindaco Fabrizio Greppi.

Tantissimi i ricordi di persone che lo avevano conosciuto e apprezzato, come persona e come medico.

“Sono scioccato, era un carissimo amico, ci sentivamo tutti i giorni, a volte per ore al telefono; spesso ci incontravamo a casa sua, a Crescentino” dice Emanuele Caradonna.

“Ma di Leo Alati – dice ancora – tutti ricorderanno la grande umanità. Era un medico d’altri tempi, l’ho sentito con le mie orecchie mentre ascoltava i pazienti che lo chiamavano alle undici di sera. Per loro, lui, c’era sempre. Ho una certezza: su Leo Alati non si possono dire che cose belle”.

Caradonna e Alati si conobbero nel 1994, cercarono di risollevare le sorti del Parto socialista in Piemonte. “Per lui era fede, anche ultimamente, quando io gli dicevo che i socialisti dovevano allearsi con forze piàù grandi, lui ribadiva la sua fedeltà al vecchio simbolo. Diciamo che aveva il socialismo nel sangue”.

"E poi era dotato di un grane senso dell'umorismo. Faceva dell'ironia anche sui meridionali al nord, praticamente scherzava su stesso...".

“Mi mancherà, per me è un brutto colpo”, dice infine. 

“Ci inchiniamo davanti alla tua voglia di essere a disposizione degli altri, al tuo senso civico, alla tua disponibilità sempre a favore della collettività.... hai avuto il coraggio di essere sempre in prima fila... non sempre siamo stati in sintonia ma ho sempre apprezzato la tua sincerità e il tuo genuino essere a disposizione”, è il ricordo lasciato da un amico su Facebook.

Domenica 27 ottobre, alle 19, nella parrocchia dell’Assunta, sarà recitato il rosario, mentre i funerali saranno celebrati, lunedì, alle ore 10, sempre nella chiesa parrocchiale.

reb

Ti potrebbero interessare anche:

SU