/ Politica

Politica | 13 ottobre 2019, 10:33

"WWW Respect Us": il progetto vercellese arriva alla Presidente del Senato

LELLA BASSIGNANA, REFERENTE DEL NODO ANTI DISCRIMINAZIONE, HA PARLATO DELL'INIZIATIVA NEL CORSO DELL'INCONTRO TORINESE CON MARIA ELISABETTA ALBERTI CASELLATI

La presidente Alberti Casellati con Lella Bassignana

La presidente Alberti Casellati con Lella Bassignana

Lella Bassignana Consigliera di parità della provincia di Vercelli e referente del Nodo provinciale della Rete Regionale contro le Discriminazioni in Piemonte, ha partecipato  alla lectio magistralis su “Donne e politica”, tenuta dalla  presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati in occasione del 52° anno accademico del Centro Pannunzio, nell’aula Magna del Rettorato dell'Università di Torino.   
Nel suo intervento la Presidente Casellati ha sottolineato come la parità di genere in politica sia  ancora lontana e che sia necessaria una rivoluzione da attuare non più e non soltanto in termini legislativi quanto piuttosto sul piano culturale. Si è detta “sorpresa“ nello scoprire che il Paese che conta più donne nel proprio parlamento è il Rwanda, con una percentuale pari al 61,3, l’Italia occupa il 30° posto con una media attorno al 35%.
Dati che indicano che molto c’è ancora da fare per dare forza, solidità e visibilità all’impegno delle donne nella vita politica italiana. A livello globale, il raggiungimento della piena parità di genere nella leadership politica continua ad essere un traguardo ancora lontano: il pregiudizio culturale ancora purtroppo diffuso in alcune aree del nostro Paese e in molti Stati stranieri, che per anni ha considerato la donna in una posizione sociale più debole e più vulnerabile rispetto all’uomo che per molto tempo ha costituito un ostacolo insormontabile all’affermazione e al riconoscimento dei meriti di tante donne di grande valore. Riflettere sul rapporto tra donne e politica significa soprattutto comprendere come l'intelligenza, le competenze, la professionalità e la forza dimostrata da tante donne nella storia delle Nazioni costituisca la chiave su cui costruire un futuro in cui il tema della parità di genere possa essere definitivamente superato in ogni sua declinazione riconoscendo l'effettiva tutela dei loro diritti fondamentali.

Al termine della relazione Lella Bassignana si è intrattenuta con la Presidente Casellati portando l’esperienza della Consigliera di parità di Vercelli e presentando il progetto “What Women Want. RESPECT.US” che la provincia di Vercelli con la Consigliera di parità e in collaborazione con l’Associazione 12 dicembre e l’Università Popolare, ha realizzato grazie a un finanziamento dal Dipartimento delle Pari Opportunità – Presidenza del Consiglio dei Ministri - per realizzare  un progetto di animazione, comunicazione e sensibilizzazione territoriale rivolto alla prevenzione della violenza di genere, per promuovere i cambiamenti nei comportamenti socio-culturali, al fine di eliminare pregiudizi, costumi, tradizioni e qualsiasi altra pratica basata su modelli stereotipati dei ruoli delle donne e degli uomini.

Gli interventi rivolti agli Istituti superiori della provincia, hanno coinvolto oltre 250  studenti e 30 insegnanti  che hanno partecipato attivamente  all’attività di formazione e presenteranno all’evento finale i loro elaborati sui temi affrontati in classe che verranno presentati il  prossimo 17 ottobre dalle 10 circa alle 13 alla Caserma Scalise di Vercelli e prevede una tavola rotonda sul tema della violenza di genere a cui parteciperanno la Consigliera di Parità, Lella Bassignana, la scrittrice-opinionista – criminologa Elisabetta Cametti, la pittrice Lucia Ferrara con moderatrice Roberta Martini e la proiezione in anteprima del filmato: ”Gioco alla pari” realizzato per diffonderlo nelle scuole.

La Presidente Casellati si è complimentata sottolineando l’importanza di progetti di questo tipo per promuovere cambiamenti nei comportamenti socio-culturali, al fine di eliminare pregiudizi culturali. 

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore