/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | 09 agosto 2019, 15:28

Neonato morto, la nota dell'Asl Vercelli

"ALL'OSPEDALE DI BORGOSESIA ASPETTAVAMO LA SIGNORA PER IL PARTO, MA NESSUNO CI HA CONTATTATO"

Neonato morto, la nota dell'Asl Vercelli

Era stata seguita al reparto di Ginecologia e Ostetricia di Borgosesia, dove aveva effettuato tutti gli esami previsti e dove, solo 7 giorni fa, si era presentata per il bilancio di salute (ma non per il parto), la mamma del piccolo nato in casa e morto dopo un disperato tentativo di elitrasporto all'ospedale Sant'Anna di Torino. La donna è residente in un piccolo centro della Valsessera che, per le questioni sanitarie, fa riferimento all'ospedale della cittadina valsesiana.

leggi anche: NATO IN CASA, MUORE DOPO UN DISPERATO TRASPORTO IN OSPEDALE

Una nota dell'Asl Vercelli, precisa le informazioni in possesso dell'Azienda sanitaria. "La signora  è stata seguita nel corso dei mesi di gravidanza nel nostro ospedale di Borgosesia effettuando tutti gli esami previsti e realizzando anche 7 giorni fa il bilancio di salute: si tratta di una procedura che consente la preparazione di tutta la documentazione clinica in previsione del parto. Noi attendevamo la signora per il parto, ma come ospedale non siamo stati contattati in alcun modo e la signora non si è mai presentata. Ribadiamo - conclude la nota - l’impegno e lo sforzo organizzativo che l’Asl di Vercelli ha profuso in questi mesi per il mantenimento di un punto nascita che possa essere un riferimento sicuro per tutte le donne che devono partorire in Valsesia".

Intanto, secondo i primi accertamenti, il piccolo potrebbe essere morto per asfissia prenatale; satà l'autopsia a chiarire definitivamente le cause del decesso.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore