/ Attualità

| 24 febbraio 2020, 13:35

Coronavirus, funzioni liturgiche sospese; matrimoni e funerali "a porte chiuse"

Nuove disposizioni della Diocesi per i parroci vercellesi

Coronavirus, funzioni liturgiche sospese; matrimoni e funerali "a porte chiuse"

Funzioni religiose sospese, in tutta la Diocesi, fino al 29 febbraio compreso; matrimoni e funerali solo "a porte chiuse". 

E' quanto contenuto nella nuova disposizione emanata da monsignor Marco Arnolfo, che "facendo seguito all’ordinanza emanata dal Presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, di concerto con il Ministro della Salute, Roberto Speranza, dispone su tutto il territorio diocesano la sospensione di tutte le Celebrazioni (eucaristiche e non) con concorso di popolo a partire dall’orario vespertino di lunedì 24 febbraio e fino a sabato 29 febbraio compreso. Eventuali ulteriori proroghe del presente provvedimento potranno essere determinate a seguito dell’evolversi della situazione sanitaria e su prescrizione delle Autorità pubbliche".

Le chiese resteranno aperte, ma saranno sospese tutte le attività catechistiche, di iniziazione cristiana e per adulti, e di oratorio; e parimenti convegni e riunioni di formazione a livello diocesano.

Funerali e matrimoni verranno celebrati ma con la presenza dei soli parenti stretti, seguendo tutti gli accorgimenti, anche di natura liturgica, atti ad arginare la facilitazione del contagio.

"La Beata Vergine Maria Salute degli Infermi - conclude l'Arcivescovo - roccia incrollabile della nostra fede e già protettrice nella storia del territorio eusebiano, interceda per noi dal suo Figlio la grazia di un pronto ritorno a condizioni ordinarie di vita e di salute. La preghiera dei fedeli e la disciplina penitenziale, sempre raccomandabile nel tempo quaresimale, si elevi con maggior forza, anche privatamente, in questo momento di particolare prova e di unione alle sofferenze della Croce del Signore".

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore