/ Politica

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | 21 febbraio 2020, 10:35

Fusione in vista tra i Comuni di Gattinara e Lenta

Per i sindaci dei due centri si tratta di un'opportunità. Lo scorso anno solo 11 le fusioni in porto in tutto il Piemonte

Il municioio di Gattinara

Il municioio di Gattinara

I sindaci di Gattinara e Lenta - Daniele Baglione e Giuseppe Rizzi - decidono di avviare un progetto di fusione dei due Comuni e, in una nota congiunta, spiegano le motivazioni di una scelta che, finora, nel vercellese, hanno fatto Cellio e Breia; Rimasco e Rima San Giuseppe; Alagna e Riva Valdobbia. Tutti Comuni di piccole dimensioni che hanno cercato di mettere insieme le proprie forze. Quella tra Gattinara e Lenta sarebbe invece la prima fusione tra Comuni grandi (per il territorio vercellese). In precedenza, infatti, solo Vercelli aveva avviato un progetto di questo tipo - presentanto motivazioni quasi analoghe a quelle contenute nel documento dei sindaci Baglione e Rizzi, per avviare la fusione (in quel caso per incorporazione) con Salasco. Un progetto poi tramontato dopo la bocciatura da parte del Consiglio comunale di Vercelli.

Gattinara, dal canto suo, avrebbe inizialmente tentato con Lozzolo ma, evidentemente il progetto ha poi preso altre direzioni.

In Italia, nel 2019, sono state 31 le fusioni andate in porto, di cui 6 per incorporazione. In Piemonte sono state 11 (di cui solo quella tra Alagna e Riva Valdobbia nel vercellese). Una di queste unioni, quella tra gli ex Comuni di Lu e Cuccaro, nel vicino Monferrato, è anche la prima a essere "andata in crisi": a meno di un anno dal varo del nuovo Comune è stato infatti costituito un Comitato per chiedere lo scioglimento dell'unione.

Intanto, a seguire, ecco le motivazioni contenute nella nota stampa diffusa dai sindaci di Gattinara e Lenta.

Gattinara e Lenta sono due Comuni legati da una fraterna amicizia ed il nostro territorio che va dalle Risaie alle Colline è bellissimo e a misura d’uomo.

Partendo da questi semplici, ma decisivi pensieri abbiamo ragionato, insieme, su quali azioni avremmo potuto e dovuto compiere per garantire ai nostri Comuni e alle persone che li abitano una prospettiva di futuro sostenibile e competitivo per i prossimi decenni.
Abbiamo cercato di avere una visione a lungo termine, per guardare oltre il nostro presente pensando ad un progetto che consentisse al nostro territorio, unito, di progredire migliorando in modo significativo le condizioni di chi ci vive e ci lavora.
Negli ultimi dieci anni ci sono stati numerosi cambiamenti che hanno radicalmente modificato il modo di amministrare i Comuni.
La nostra autonomia è stata seriamente compromessa da scelte centralizzate che hanno privilegiato i grandi centri urbani.
Pensare di rimanere inermi di fronte a tali cambiamenti, inarrestabili ed inesorabili, vorrebbe dire condannare il nostro territorio e noi che l’abitiamo, all’irrilevanza.
Non è quello che vogliamo!
Per questi motivi, abbiamo deciso di portare avanti un sogno e un progetto ambiziosi: diventare un unico territorio, un unico Comune, due Comunità con la loro storia e le loro tradizioni che si uniscono per continuare a perpetuarle e per creare, insieme, il nostro futuro a tutela della nostra gente, i nostri giovani e i nostri anziani.
I benefici che il nostro territorio e noi tutti avremo diventando unici sono innumerevoli, eccone alcuni:
-
Diventeremo il terzo Comune della Provincia per numero di abitanti, acquisendo peso e importanza strategica a livello provinciale, regionale e statale.
-
Potremo potenziare e ampliare tutti i servizi forniti dai nostri due Comuni. Sia negli uffici del Municipio di Lenta che in quello di Gattinara, i nostri cittadini potranno avere servizi maggiori e qualitativamente migliori e più veloci.
- A livello economico, otterremo contributi Statali e Regionali quantificabili, fin d’ora, in oltre 10 milioni di e
uro (1 milione di euro all’anno per 10 anni) e avremo l’accesso prioritario a bandi Statali e Regionali con i connessi vantaggi.
Ciò ci consentirà di abbattere radicalmente le tasse in maniera omogenea per tutti i nostri cittadini e, contestualmente, potremo realizzare tutte le opere necessarie per migliorare il nostro territorio nel suo complesso (es: piste ciclabili, sotto-servizi, sistemazione dei beni culturali, strade ecc.).
In sintesi, innescheremo un circuito virtuoso che ci consentirà di diventare un territorio d’eccellenza assoluta.
L’unione ci consentirà inoltre di garantire e rafforzare la presenza del sistema scolastico a Lenta e a Gattinara e ci consentirà di lavorare su progetti specifici per allargare le potenzialità di entrambi i plessi scolastici.
Potremo valorizzare ulteriormente le nostre tradizioni e manifestazioni dando un impulso vitale al turismo e alle nostre eccellenze alimentari, il riso, il vino e il c
affè, valori aggiunti del nostro territorio, unico e ineguagliabile.
Nelle prossime settimane e nei prossimi mesi faremo tutto ciò che sarà utile fare per accompagnare ognuno in questo percorso.
Insieme, saremo forti e vincenti, insieme saremo una grande Comunità.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore