/ Cronaca

Cronaca | 21 febbraio 2020, 00:02

"Evade" dai domiciliari per portar fuori il cane: il tribunale lo assolve

L'uomo era stato sorpreso poco lontano da casa da una pattuglia dei carabinieri

"Evade" dai domiciliari per portar fuori il cane: il tribunale lo assolve

Rischiava una condanna a 8 mesi per evasione. Un'evasione nata dal fatto che, in una sera del marzo 2018, il suo cane aveva iniziato ad abbaiare e a mostrare segni di malessere e per questo l'uomo, ai domiciliari per maltrattamenti nei confronti della ex compagna, aveva deciso, a tarda sera, di portarlo a fare un giro nella zona di parco Camana.

L'uomo, che poco prima aveva ricevuto la visita di controllo da parte delle forze dell'ordine, incappa però nella pattuglia dell'Arma che, trovandolo fuori casa senza permesso, lo denuncia per evasione.

Difeso dall'avvocato Davide Balzaretti, il vercellese, oggi 45enne, è stato assolto dal giudice Cristina Barillari: nel corso del dibattimento è emerso come l'uomo avesse sempre rispettato rigorosamente tutte le disposizioni previste dalla misura cui era sottoposto. E, anche nella serata "incriminata", alla fine non si era poi allontanato molto dalla sua abitazione.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore