/ Cronaca

Cronaca | 20 febbraio 2020, 19:33

Spacciava fumo ai ragazzini: chiesti 2 anni e 4 mesi di carcere per il pusher dei giardinetti

A processo un giovane egiziano che si era creato giro tra studenti minorenni

Spacciava fumo ai ragazzini: chiesti 2 anni e 4 mesi di carcere per il pusher dei giardinetti

Due anni e 4 mesi di carcere e 6000 euro di multa. E' questa la pena chiesta dal pubblico ministero Davide Pretti per Mohamed Mohamed Mustafa Mahamoud - "Momo" per i clienti - il 21enne egiziano che, a Gattinara, si era creato un piccolo giro di spaccio di hashish e marijuana tra studenti, spesso minorenni.

Li "agganciava" nel locale in cui lavorava e portava loro la droga recandosi al parchetto dei cani, un'area verde molto vicina al complesso scolastico gattinarese: veramente modesto il giro d'affari: i ragazzi spendevano 5, 10 euro la settimana. Usavano una parte della paghetta per farsi una canna, come ha ammesso qualcuno di loro nel corso dll'indagine.

leggi anche: SPACCIAVA FUMO AI RAGAZZINI

Ai giudici, e anche a una scolaresca di quinta superiore dell'istituto Cavour, presente in aula per seguire i lavori della mattinata, il pubblico ministero ha spiegato come le prove, nei confronti del giovane, all'epoca residente nel centro di accoglienza straordinaria di Gattinara, fossero univoche e solide: dai verbali dei sequestri effettuati dai carabinieri, per arrivare a quanto ammesso in aula dai clienti di Momo, ragazzi delle scuole superiori rintracciati grazie al fatto che era stata creata una chat per gestire gli ordini. All'imputato, oltre all'accusa di spaccio, sono state contestate anche le aggravanti dell'azione commessa con i minorenni e a poca distanza da una scuola, e il possesso ingiustificato di un coltello (probabilmente utilizzato per lo spaccio).

La difesa, da parte sua, ha chiesto che il reato venga riqualificato in un capo di imputazione meno grave, e che vengano concessi i benefici di legge. Nei prossimi giorni la sentenza.

fr

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore