/ Cronaca

Cronaca | 14 febbraio 2020, 07:45

Botte e ricatto a "luci rosse": arrivano le condanne

Un 57enne era finito nel mirino di giovanissimi malviventi

Botte e ricatto a "luci rosse": arrivano le condanne

Hanno rimediato condanne complessive per quasi 14 anni i due marocchini che, la scorsa primavera, insieme ad altrettanti complici avevano picchiato, derubato e successivamente drogato e ricattato con un video hard un connazionale residente a Vercelli, un uomo di 57 anni parzialmente invalido che uno di loro conosceva e che era finito al centro di un piano diabolico.

leggi anche: ESTORSIONE A LUCI ROSSE: TRA SESSO, ALCOL E MINORENNI

Al processo, celebrato con rito abbreviato che, in caso di condanna consente di ottenere lo sconto di un terzo della pena, Mohamed Jaite, 30enne, è stato condannato a 7 anni e 9 mesi, Zakaria Rasmi, 21 anni, a 6 anni. Le accuse, nei loro confronti, erano rapina, estorsione, violenza, lesioni aggravate. Un altro componente della banda, arrivato da fuori città per dare attuazione al piano, aveva patteggiato una condanna a 1 anno e 8 mesi con sospensione della pena; un quarto è nel frattempo deceduto.

Nella vicenda erano state coinvolte anche due connazionali minorenni per le quali il giudice ha disposto la trasmissione degli atti alla Procura di Torino: si erano prestate a partecipare al festino nel corso del quale l'uomo finito nel mirino della banda era stato drogarato, picchiato, ripresa in un video - mentre era di fatto priva di coscienza - in pose compromettenti e umilianti che i quattro minacciavano di diffondere in rete. L'uomo, abbandonato in casa privo di sensi e sotto l'effetto di farmaci e droga, era stato salvato dalle forze dell'ordine che avevano poi organizzato l'incontro - trappola nel corso del quale tre dei quattro estorsori erano stati arrestati. Il quarto, che aveva già lasciato Vercelli, era stato arrestato mentre tentava di lasciare l'Italia.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore