/ Scuola

Scuola | 08 febbraio 2020, 17:02

A Vercelli la finale provinciale del Premio nazionale Scuola Digitale 2019-2020

Una gara fra scuole con progetti digitali, ideati dagli studenti del primo e secondo ciclo d'Istruzione

Da sinistra: Elisabetta Milazzo, Paolo Massara , Rita Catalano e Alessandra Pecchio durante la presentazione dell'evento all' I.P. Lanino

Da sinistra: Elisabetta Milazzo, Paolo Massara , Rita Catalano e Alessandra Pecchio durante la presentazione dell'evento all' I.P. Lanino

Il Premio nazionale Scuola Digitale, giunto alla sua seconda edizione, ospiterà la finale della fase provinciale a Vercelli, mercoledì 19 febbraio al Seminario Arcivescovile, alle ore 9.

Paolo Massara, dirigente scolastico IIS Cavour: “Il Premio Scuola Digitale si colloca nell’ambito delle legge “Buona Scuola” e il suo scopo è quello di comunicare e diffondere l’educazione al digitale, sfruttando una sana competizione fra i vari Istituti. In questi giorni, si stanno organizzando analoghe fasi provinciali per ogni zona d’Italia, per poi accedere alle selezioni successive, prima quella regionale e poi le finali nazionali.”

Continua Massara: “Per la prima volta, questo premio viene ospitato a Vercelli e siamo molto soddisfatti, perché il 60% di tutte le scuole della provincia ha prestato un progetto, tanto che sono state necessarie delle preselezioni.”

Elisabetta Milazzo dirigente MIUR ambito territoriale di Vercelli e anche coordinatrice della giuria del premio: “I ragazzi sono stati chiamati ad usare il linguaggio digitale per creare progetti che potessero essere utili alla vita comune: piccoli robot, software specifici e tanto altro. La giuria dovrà valutare non solo il contenuto innovativo degli elaborati, ma anche la modalità con cui verranno presentati.” La commissione giudicante è formata da docenti esperti della materia a livello universitario locale, formatori digitali nazionali e rappresentanti degli enti locali. 

La professoressa Rita Catalano, animatrice digitale IIS Cavour, entra nel dettaglio: “I ragazzi hanno inviato al premio il video del loro progetto di innovazione digitale, tramite cui sono giudicati. Il 19 febbraio sarà essenziale l’attività di pitching, ossia la presentazione dell’idea durante la proiezione di quel video: dovrà essere convincente e completa senza superare i tre minuti di durata. “

Alessandra Pecchio, team digitale IIS Cavour: “La giuria si esprimerà davanti ai ragazzi e al pubblico. Verranno premiate le prime 3 classificate per entrambi i cicli d’Istruzione: la prima accederà alla fase regionale del 25 marzo a Torino, e riceverà un premio di mille euro, destinato allo sviluppo digitale nelle scuola. Durante la mattinata, si terranno dei laboratori didattici. Sono previsti anche momenti di intrattenimento.” 

Paolo Massara sottolinea come anche i break artistici e il catering siano a cura della scuole: “I primi saranno realizzati da IIS Cavour e da IIS Lagrangia di Vercelli, mentre l’area food dall’Istituto Alberghiero di Varallo-Gattinara: l’evento, quindi, non è solo una competizione, ma una festa della scuola. Tengo poi a ricordare che la giuria opera a titolo totalmente gratuito.”

Infine, il Professor Marco Martucci, docente IIS Cavour e formatore nazionale del Piano Nazionale Scuola Digitale, illustra i tre laboratori della mattinata che si svoleranno nella sala Auditorium Orecchia del Seminario Arcivescovile. “Due saranno coordinati dal team formativo dell’ IIS Cavour,  uno sul tinkering, ossia il recupero concreto dei materiali di riciclo e l’altro sulla stampa 3D. L’ultimo invece sarà a cura di due formatrici nazionali  provenienti dalla Lombardia che si occuperanno di digital art. Si tratta di laboratori già testati in più occasioni in ambito nazionale da cui ci attendiamo un riscontro positivo anche sul nostro territorio.”

 

 

Elisa Rubertelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore