/ Politica

Politica | 13 gennaio 2020, 19:29

Con 760mila euro Agnona e Isolella saranno collegate al depuratore Cordar

Paolo Tiramani, sindaco di Borgosesia: "Ci sono voluti dieci anni e un'azione legale, ma ce l'abbiamo fatta"

Con 760mila euro Agnona e Isolella saranno collegate al depuratore Cordar

«Ci sono voluti dieci anni e un’azione legale ma finalmente ce l’abbiamo fatta: la Sii, gestore del sistema idrico borgosesiano, investirà circa 760 mila euro per mettere a sistema la rete idrica e fognaria delle frazioni Isolella e Agnona, realizzando dei sistemi di depurazione dei tronchi fognari verso il collettore Cordar». Paolo Tiramani, sindaco di Borgosesia, commenta così una notizia attesa e importante per le due popolose frazioni della città valsesiana.

L’iter prevede che nelle prossime settimane l’ATO2 convochi una Conferenza dei servizi per acquisire il parere degli organi competenti, in particolare della Sovrintendenza, al termine della quale potranno partire i lavori e presto Borgosesia otterrà che le frazioni della sponda destra, Isolella e Agnona, siano collegate al depuratore.

«Abbiamo dovuto mettere in campo un’azione forte, con il supporto di un ufficio legale – spiega Tiramani – e grazie a una determinazione mai venuta meno siamo riusciti a smuovere la S.I.I. spa, questo però non ci esime dal constatare che stiamo pagando la scelta scellerata fatta dieci anni fa di affidare il servizio a questa società, che ha creato tanti problemi ai cittadini con vari disservizi».

Il sindaco sottolinea che situazioni incancrenite come questa si possono risolvere solo con grande tenacia: «Come sempre, abbiamo difeso gli interessi dei cittadini: l’obiettivo è migliorare sempre più il sistema idrico e fognario di Borgosesia, risolvendo tutte quelle criticità che creano problemi all’utenza».

Conclude il sindaco: «Continueremo a lavorare con la stessa determinazione, valuteremo nelle prossime settimane anche ulteriori carenze: utilizzeremo i mezzi necessari per fare in modo che il sistema idrico e fognario sia reso efficiente a tutti gli effetti. Non solo è un diritto dei borgosesiani, ma è anche un dovere per la tutela dell’ambiente». 

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore