/ Cronaca

Cronaca | 13 gennaio 2020, 17:02

Eternit bis, udienza preliminare: variazioni al traffico e divieti nella zona del Tribunale

Le parti lese sono 392: predisposte misure straordinarie per gestire il grande afflusso di parenti delle vittime, legali, esponenti delle associazioni e della società civile

Eternit bis, udienza preliminare: variazioni al traffico e divieti nella zona del Tribunale

Vercelli si prepara all'udienza preliminare del processo Eternit - bis che viene celebrata martedì 14 gennaio dalle 11 nell'aula Carmine De Donato del Palazzo di Giustizia. Per l'occasione l'aula è stata "allargata" a tutto il corridoio e allo spazio circostante, attrezzato per accogliere i legali e i familiari delle 392 parti lese che, insieme a Comuni, enti, associazioni dovranno comunicare se intendono costituirsi parte civile all'eventuale processo nei confronti di Stephan Schmidheiny, il magnate svizzero ultimo patron vivente della Eternit Italia. Si calcola che, tra parenti e associazioni le persone coinvolte possano arrivare a 1500. Solo una parte dei morti di questo processo sono stati dipendenti dell'azienda casalese che produceva la fibra di cemento amianto; la maggior parte vittime dell'esposizione ambientale alle polveri.

Martedì, per motivi logistici e di sicurezza, sono stati sospesi tutti gli altri procedimenti penali iscritti a ruolo al Tribunale di Vercelli. Nell'udienza preliminare il Gup, Fabrizio Filice dovrà decidere sul rinvio a giudizio del magnate svizzero e, nel caso, anche sull'imputazione da contestargli. Un passaggio fondamentale, quest'ultimo: la Procura di Vercelli, competente per territorio su Casale, ha contestato a Schmidheiny il reato di omicidio volontario e se il Gup confermerà l'imputazione, il processo verrà spostato a Novara per essere celebrato davanti alla Corte d'Assise. Viceversa, se il giudice dovesse riqualificare il reato in omicidio colposo (imputazione per la quale Schmidheinyè già stato condannato in relazione ai morti di Cavagnolo), il processo resterà a Vercelli e verrà celebrato davanti al giudice monocratico.

In occasione della prima giornata dedicata all'udienza preliminare dell'Eternit bis, sono state disposte, su richieste della Questura, alciune restrizioni e limitazioni al traffico e alla sosta: dalle 7 e sino a cessate esigenze è vietata la sosta con rimozione forzata di tutti i veicoli in: piazza Amedeo IX (nel tratto antistante il Palazzo di Giustizia e nel tratto antistante l’ex Teatro dei Nobili), in via Livia Bruna Bianchi e in via Silvio Pellico (ad eccezione di quelli adibiti al trasporto dei partecipanti al processo).

Dalle 8 e sino a cessate esigenze è vietata la circolazione di tutti i veicoli in piazza Amedeo IX, tratto antistante il Palazzo di Giustizia e tratto antistante l’ex Teatro dei Nobili; dalle 8 e sino a cessate esigenze in via Livia Bruna Bianchi è temporaneamente istituito senso unico di marcia in direzione di via Rosanna Re; i veicoli provenienti da via Conte Rosso sono deviati in via Livia Bruna Bianchi.

Dalle 7 e sino a cessate esigenze il lato ovest del parcheggio dell'ex Caserma Garrone (lato ovest adiacente al muro di cinta di via G. di Zubiena) è riservato ai veicoli dei partecipanti al procedimento. Il corpo di Polizia Locale, inoltre, si riserva di limitare, deviare o interrompere la circolazione nella zona intorno al Tribuinale qualora si rendesse necessario per esigenze del traffico.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore