/ Economia

Economia | 05 dicembre 2019, 06:44

Come scegliere i giusti stivali da equitazione lunghi?

Per chi ama l’equitazione, acquistare la giusta attrezzatura è sicuramente una parte importante della propria avventura in questo sport. Gli stivali da equitazione lunghi sono un punto importante da prendere in considerazione

Come scegliere i giusti stivali da equitazione lunghi?

Gli stivali equitazione lunghi sono una parte molto importante delle attrezzature per chi ama passare il proprio tempo libero cavalcando. Avere degli stivali di buona qualità, permette di avere più presa al momento della cavalcatura in ogni situazione. In questa breve guida, è possibile trovare una serie di consigli per fare un acquisto senza ripensamenti.

Quale stile di stivale acquistare?

La prima cosa da valutare per un corretto acquisto è lo stile di stivali. Le due categorie principali in commercio sono gli stivali da campo e quelli da gara.

Gli stivali da campo sono una delle ultime novità in questo settore. Sono una scelta molto popolare, per tutte le tipologie di sport che si può desiderare di praticare. Sono dotati di una allacciatura alla caviglia per il comfort e la vestibilità. Queste caratteristiche li rendono più flessibili e adatti a tutte le tipologie di riding e jumping.

Inoltre, visto che sono realizzati con una pelle morbida, sono più facili da allacciare.

Gli stivali da dressage (o da gara), sono uno stivale dall’aspetto più tradizionale. Questa tipologia di stivali è spesso realizzata con una tipologia di pelle più rigida e che richiede un maggiore impegno durante le operazioni per calzarlo. Inoltre, nella zona delle caviglie sono poco flessibili, per sostenere nel migliore dei modi la gamba durante le competizioni.

Quale tipologia di chiusura è la migliore?


Una volta che si è decisa la tipologia di stivale da acquistare, è possibile decidere quale tipologia di chiusura è bene scegliere. Le due tipologie di chiusura, hanno sia punti a favore che a sfavore.

La scelta di un paio di stivali con cerniera è la più popolare, in quanto rende più facile indossare e togliere questa tipologia di stivale. Si possono trovare delle cerniere sia nella parte posteriore che in quella laterale. Che si scelga una soluzione o l’altra, dipende tutto dai propri gusti e da come ci si trova una volta che si ha indossato gli stivali.

La maggior parte dei produttori di stivali per equitazione, spesso fornisce una serie di valide soluzioni per venire in contro agli utilizzatori. Per chi non trova una variante di proprio gusto, è possibile scegliere di farsene fare un paio su misura da un ottimo artigiano.

Prendersi cura dei propri stivali

Uno dei punti più importanti dopo l’acquisto di un paio di stivali, è la manutenzione. Una volta che si sono utilizzati, è bene procedere a una serie di operazioni.

- Dopo ogni utilizzo, è bene rimuovere lo sporco e il grasso con una spugna umida. È bene aspettare che la pelle si asciughi in maniera naturale (mai mettere gli stivali umidi vicini a un radiatore). Farli asciugare troppo in fretta, porterà a rovinare la pelle.

- È bene lucidare regolarmente i propri stivali da equitazione con un normale lucido per scarpe. La pelle nutrita con un buon balsamo per pelli, permette di mantenere morbidi e nel migliore dei modi gli stivali.

- Per aiutare gli stivali a mantenerli nella forma più opportuna, è bene usare degli spaziatori che permettono di mantenere la forma originale. Inoltre, è opportuno tenerli in una zona priva di umidità e dalla temperatura controllata. Come tutte le calzature in pelle, l’umidità e una mancanza di cura possono portarle a rovinarsi con il tempo.

Trovare un paio di stivali di buona qualità, ben aderenti alla propria gamba e comodi permettono di utilizzarli per molto tempo. Non importa se si è un professionista o un semplice appassionato di questo sport, riuscire ad acquistare il miglior paio di stivali è importante per ogni persona che vuole cavalcare.

Richy Garino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore