/ Arte e Cultura

Arte e Cultura | 05 dicembre 2019, 13:26

Un libro (per tutti) sulla musica colta

Applaudire con i piedi. Segreti e curiosità della musica colta di Anna Rollando

Anna Rollando

Anna Rollando

Il titolo è strano, buffo, provocatorio, ma basta leggere in copertina la frase sottostante - Applaudire con i piedi. Segreti e curiosità della musica colta - per capire le intenzioni dell’autrice, una violinista molto nota anche al pubblico televisivi: Anna Rollando vuole proporre una sorta di manuale alternativo per chi ancora non conosce i linguaggi sonori oggi messi all’angolo dal sovrastare economico, quantitivo, mediatico della pop music.

Per quanto talvolta non si parli d’altro ai telegiornali - come in occasione della Prima della Scala ogni 8 dicembre - la musica sinfonica, cameristica, operistica restano appannaggio di pochi ascoltatori rispetto alle cifre del rock, del metal, del punk, del soul, del rap, del folk. Nonostante l’aumento di studenti ai conservatori o nei neonati licei musicali, la colta resta un'esperienza minoritaria nel mare magnum della comunicazione espressiva ed è forse per cambiare lo status quo che Anna si cimenta come scrittrice che sa il fatto proprio.

Applaudire con i piedi insomma viene concepito e realizzato per creare nuovi adepti e per favorire il dialogo con la cultura musicale alta, nobile, purtroppo divenuta elitaria nel corso del XX secolo, nonostante nelle ere precedenti non lo sia per nulla. La Rollando, fra le righe, non dà mai nulla di scontato e, pur sapendo che la musica colta, dotta o classica che dir si voglia è riconosciuta come forma d’Arte, fa in modo di avvicinare i propri lettori come si fa ad esempio nella pittura con la Gioconda di Leonardo o per il teatro mediante Romeo e Giulietta di Shakespeare.

Per concludere è un libro per tutti, che si può leggere anche come un puzzle, partendo magari dalla fine quando Anna raccoglie un sacco di barzellette sui musicisti sia per sfatare un luogo comune sia per far capire a tutti che la quella del musicista è una professione, seria, utile, faticosa e non sempre - tranne pochi eletti - ripagata da giusti compensi. E, per svelare un segreto, applaudire con i piedi è quanto comunemente gli orchestrali fanno durante per un concerto per... a questo punto però meglio farlo dire direttamente dalla bravissima Rollando.

 

Guido Michelone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore