/ Economia

Economia | 28 novembre 2019, 19:31

Polioli Bioenergy: "Sull'impianto di biometano siamo pronti a confrontarci con popolazione e associazioni"

I numeri dell'investimento e, il 16 dicembre, primo incontro pubblico sul progetto

Polioli Bioenergy: "Sull'impianto di biometano siamo pronti a confrontarci con popolazione e associazioni"

Presentano il progetto scegliendo la via della comunicazione e della trasparenza: un sito internet dedicato e incontri aperti al pubblico e alle associazioni (il primo sarà il 16 dicembre dalle 18 alle 20, nella Sala Mamma Margherita del CNOS-FAP Don Bosco di Vercelli in corso Randaccio, 16).A distanza di qualche mese dalle polemiche che spinsero l'azienda a ritirare il progetto, Polioli Bioenergy torna a proporre Enerver, l'impianto di trattamento della Forsu (la frazione di umido e organico dei rifiuti solidi urbani) per la produzione di biometano di alta qualità e di compost.

Un insediamento progettato nella zona industriale di Vercelli, per riconvertire l'area della ex Polioli.

“Enerver - spiega l'amministratore delegato Giacomo Bombardieri è un vero e proprio progetto di economia circolare: grazie a tecnologie green e per nulla invasive, come quella della digestione anaerobica, sarà possibile l’umido organico in risorsa, senza danni per l’ambiente e per il territorio. Con il nostro progetto andremo a efficientare il sistema dei rifiuti in Piemonte, aiutando a consolidare le attività presenti nella zona industriale di Vercelli e tracciando una via alternativa alla tipica attività industriale e nella quale investire e con la quale tornare a crescere".

Bombardieri, però precisa che l'obiettivo è coinvolgere "la comunità e al territorio. Per questo motivo abbiamo deciso oggi di inaugurare un percorso di dialogo che partisse con una prima conferenza stampa di presentazione del progetto e successivamente con un primo incontro pubblico. Polioli Bioenergy, come new company, ha messo a sistema le competenze di quattro società italiane per garantire servizi di qualità, per il territorio e l’intera comunità.”

L’incontro metterà a fuoco i contenuti del progetto e ospiterà proposte e riflessioni della comunità coinvolta. Saranno presenti i rappresentanti delle realtà aziendali coinvolte nel progetto e alcuni esperti del settore energia e ambiente.

Il sistema impiantistico, in fase di presentazione alle autorità competenti, sorgerà nel sito industriale ex Polioli di Vercelli e permetterà di recuperare circa 70.000 tonnellate/anno di FORSU, 20.000 tonnellate/anno di scarti agroalimentari non pericolosi, 15.000 tonnellate/ annue di verde organico, trasformandoli in energia pulita (biometano) e in fertilizzante di alta qualità (compost). Sarà così possibile ridurre rispettivamente il ricorso complessivo a carburanti di origine fossile (diesel e benzina) e a fertilizzanti chimici. Il biometano, combustibile pulito, verrà immesso nella rete Snam e utilizzato per l’autotrazione; il compost sarà invece impiegato in agricoltura come fertilizzante naturale. Un risparmio non solo in termini ambientali, ma anche economici.

Quaranta i lavoratori previsti nell'impianto che, secondo i proponenti, non avrà alcun impatto negativo sulla qualità della vita della città. "Gli odori - è stato spiegato - saranno abbattuti dai distemi di depurazione e di captazione dell’aria con torri di lavaggio e biofiltri, porte a impacchettamento a ogni varco, edifici di trattamento dei rifiuti in totale isolamento atmosferico, ma soprattutto da un processo di trattamento anaerobico del rifiuto".

Al progetto EnerVer è dedidato un apposito spazio web (CLICCA QUI): sfogliando le slide lo scenario rappresentato è quello di un impianto all'avanguardia, capace di riconvertire un'area industriale integrandosi nel territorio. Gli aspetti tecnici, ovviamente, saranno passati scrupolosamente al vaglio dalle autorità compententi. Ma intanto l'azienda si è resa disponibile per un confronto con i cittadini. Il 16 dicembre è un'occasione importante per un primo momento di confronto.

(Nelle slide sono riassunte alcune delle caratteristiche dell'impianto)

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore