/ Cronaca

Cronaca | 28 novembre 2019, 13:19

Munizioni non denunciate: nei guai un giovane

Controlli dei carabinieri, che ricordano anche le normative alle quali adempiere

Munizioni non denunciate: nei guai un giovane

I carabinieri della stazione di Stroppiana hanno denunciato un 26 enne del posto per detenzione abusiva di munizionamento.

I carabinieri della stazione di Stroppiana, nel pomeriggio di ieri 27 c.m. hanno proceduto ad un controllo per verificare la corretta detenzione di armi e munizioni presso un’abitazione di un 26 enne, celibe, operaio. Nel corso dell’operazione, tuttavia, i militari hanno accertato che lo stesso deteneva, 150 cartucce da caccia, a palla unica, mai denunciate che venivano poste sotto sequestro, unitamente alle armi detenute legalmente.

Il 26 enne è stato denunciato per detenzione abusiva di munizionamento alla Procura della Repubblica di Vercelli e segnalato alla Questura per la revoca della detenzione delle armi.

Si ricorda che tra i molteplici compiti delle stazioni carabinieri vi è anche quello del controllo dei possessori di armi. Tutte le persone che detengono a vario titolo armi o munizioni devono averne titolo e denunciarli alle forze dell'ordine (polizia nei centri cittadini e stazioni carabinieri per i paesi in periferia). L’errore che spesso fanno i detentori di armi è quello di pensare che basti denunciare solo le armi detenute e non anche le munizioni. Chi possiede armi deve ricordare che in base all’articolo 26 della legge numero 110 del 18 aprile 1975, è soggetto all’obbligo della denuncia, stabilito dall’articolo 38 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773, se detiene munizioni per armi comuni da sparo eccedenti la dotazione di 1000 cartucce a pallini per fucili da caccia.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore