/ Politica

Politica | 23 novembre 2019, 03:15

Sardine vercellesi: è nato il gruppo (privato, su facebook)

278 adesioni in poche ore (dato in aggiornamento)

Sardine vercellesi: è nato il gruppo (privato, su facebook)

“Siamo a quota 170, ma il gruppo è stato creato praticamente da poche ore” mi dice un aderente.

Stiamo parlando del gruppo facebook Sardine Vercellesi.

Un buon numero, se si considera che il gruppo è privato: si accede solo se invitati da qualche iscritto.

Aggiorneremo il numero degli iscritti.
(Ore 13 di sabato 23, le adesioni sono 278)

Per adesso non è prevista nessuna iniziativa a Vercelli.

C’è l’invito a partecipare alla manifestazione delle “sardine” il 10 dicembre a Torino in concomitanza con un comizio del leader della Lega, Matteo Salvini.

La creatrice del gruppo ha ricordato con un post l’origine delle “Sardine”

Perché Sardine?
Come mai gli ideatori di questa manifestazione pacifica, sotto forma di "flash mob" hanno deciso di utilizzare questo simbolo non altri?

Le persone che attraverso Facebook hanno lanciato l’iniziativa sono quattro amici, si chiamano Andrea, Giulia, Mattia, Roberto, hanno poco più di trent’anni e nella vita “fanno altro”: non organizzano eventi né si occupano direttamente di politica, come ha spiegato uno di loro durante il presidio di Bologna.

Lo scorso 14 novembre, in occasione della presenza di Salvini a Bologna a sostegno della sua candidata, Lucia Borgonzoni, su Facebook è stato lanciato un evento chiamato “6.000 persone contro Salvini”: gli organizzatori avevano chiesto ai partecipanti di radunarsi alle 20.30 davanti alla basilica di San Petronio, la stessa ora in cui Salvini entrava nel PalaDozza di Bologna. L’idea era dimostrare a Salvini che in Piazza Maggiore c’erano 6.000 persone “strette come sardine” a protestare contro di lui: più delle 5.570 che può contenere il PalaDozza. Era stato chiesto anche che durante la manifestazione non ci fosse “nessuna bandiera, nessun partito, nessun insulto”, e che i partecipanti esponessero solo cartelli con raffigurate delle sardine: «Volevamo dare un messaggio: staremo stretti come le sardine, perché saremo in tanti». Il simbolo, hanno spiegato, è un pesce silenzioso che si contrappone ai toni e alla retorica dei comizi populisti.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore