/ Politica

Politica | 16 novembre 2019, 07:45

"Case popolari: 200 alloggi inutilizzabili e solo 161 assegnati in 5 anni"

Paolo Tiramani e Alessandro Stecco replicano al presidente uscente Giuseppe Genoni: "Nei suoi cinque anni scarsa attenzione ai problemi della nostra città"

Lo stabile di corso Palestro che ospitava gli uffici Atc

Lo stabile di corso Palestro che ospitava gli uffici Atc

Ha suscitato immediate reazioni la conferenza stampa di fine mandato durante la quale il presidente di Atc Piemonte Nord, Giuseppe Genoni ha tracciato un quadro molto negativo della situazione dell'edilizia popolare e del comportamento dei Comuni.

leggi anche: INQUILINI MOROSI: VERCELLI DEVE ALL'ATC QUASI UN MILIONE E MEZZO DI EURO

http://InquiliniIn una nota conguinta, l'onorevole Paolo Tiramani e il consigliere regionale Alessandro Stecco replicano duramente a Genoni, ricostruenndo anche alcune criticità che erano già state sollevate dal sindaco Andrea Corsaro e dall'assessore Ketty Politi nel corso di un recente Consiglio comunale.

"Per quanto riguarda il Comune di Vercelli - precisano Tiramani e Stecco - serve un necessario excursus storico prima che avvenisse l’accorpamento di ATC Piemonte Nord: solo nel 2014, vennero assegnati ben 116 nuovi alloggi. Nei cinque anni successivi, ne sono stati assegnati soli 161. Oggi, dei 1812 alloggi gestiti da ATC Piemonte Nord, ce ne sono circa 200 non riassegnabili perché non opportunamente manutenuti. L’accorpamento ha portato a un forte rallentamento e poi a una stasi dell’organizzazione soprattutto nelle sedi decentrate, che si sono trovate sprovviste di autonomia decisionale e organizzativa".

Tiramani e Stecco denunciano poi il "novaracentrismo" che avrebbe caratterizzato questi anni: "Lo spostamento del centro di gravità nella sede principale di Novara - aggiungono - ha portato una minore attenzione verso il fenomeno degli alloggi sfitti del nostro Comune, ancorché qualche finanziamento regionale per manutenzione ordinaria e straordinaria sia stato utilizzato per recuperare alcuni alloggi in Vercelli. In sostanza potevano essere finanziati un numero maggiore d’immobili di Vercelli, ma si è scelto di privilegiare il territorio Novarese"

Sul fronte dell'organizzazione interna dell’ATC Piemonte Nord, secondo i due esponenti della Lega "Genoni ha impoverito le funzioni tecniche, strumento prioritario per la gestione di un patrimonio immobiliare, a vantaggio di numerose assunzioni nel settore amministrativo. Nonostante questo sbilanciamento, il Presidente uscente termina dunque una gestione quinquennale senza aver approvato gli obbligatori documenti della programmazione e, nel caso specifico, conto consuntivo 2018, gestendo l’esercizio 2019 in “tutta normalità come se niente fosse” sia in materia di personale con le nuove assunzioni, sia in materia di lavori pubblici di ordinaria e straordinaria manutenzione. Ci chiediamo come questo rispetti i termini di legge e con ogni probabilità il mantenimento degli equilibri di bilancio e i limiti di carattere generale imposti dall’ordinamento contabile e amministrativo. Cosa aggiungere? Peggio di così... ora dice di aprirsi anche a una carriera politica, ebbene gli facciamo i nostri migliori auguri!".

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore