/ Attualità

Attualità | 09 novembre 2019, 15:08

Seggiolini anti abbandono: dietrofront del Ministero, rinviate le sanzioni

Mancano le norme tecniche sulle caratteristiche del dispositivo, non si potranno fare multe

Seggiolini anti abbandono: dietrofront del Ministero, rinviate le sanzioni

Non sarà possibile, per il momento, notificare verbali o multe agli automobilisti che non avranno installato sul proprio mezzo il seggiolino anti-abbandono. A stabilire questo una circolare inviata dal Ministero dell'Interno a tutte le prefetture che a loro volta lo estenderanno ai corpi di polizia municipali e provinciali.

Ecco il testo ora sulle scrivanie di tutti i corpi di polizia: "In assenza della norma tecnica che definisca le caratteristiche tecnico-costruttive e funzionali del dispositivo anti abbandono di cui devono essere equipaggiati tutti i seggiolini utilizzati da bambini di età inferiore ai 4 anni, il predetto Dicastero ha comunicato che non potrà essere richiesto all'utenza di adempiere ad un obbligo ancora privo del suo contenuto essenziale. Alla luce di quanto precede, attesa la necessità di evitare l'applicazione di una norma in ragione dell'impossibilità dei destinatari di conformarsi alle misure previste, nelle more dell'adozione del citato decreto ministeriale, la violazione dell'obbligo previsto dal comma 1-bis dell'art. 172 CdS, non può essere oggetto di sanzione da parte degli organi accertatori".

A poche ore dall’ufficializzazione dell’entrata in vigore della norma del 6 novembre, da più parti erano fioccati gli inviti a sospendere temporaneamente le sanzioni “finché i cittadini non saranno stati informati in maniera corretta e diffusa sulla nuova normativa e finché non sarà operativo l'incentivo di 30 euro all'acquisto” (il deputato PD Ubaldo Pagani) e chi, come il presidente Asaps (Associazione sostenitori Polstrada) Giordano Biserni aveva sottolineato come l’applicazione troppo rigida della norma colga del tutto impreparati gli utenti chiamati a rispettarla. 

Gli automobilisti sono comunque tenuti a mettersi in regola il prima possibile perchè la sanzione è stoppata solo momentaneamente. 

dal nostro corrispondente a Biella

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore