/ Cronaca

Cronaca | 05 novembre 2019, 13:00

Comprano un elettrodomestico e lo fanno pagare a un ignaro santhiatese

Due malfattori denunciati per utilizzo indebito di carte di credito. In consigli per evitare brutte sorprese

Comprano un elettrodomestico e lo fanno pagare a un ignaro santhiatese

Hanno comprato un elettrodomestico addebitando le spese sulla carta di credito di un ignaro pensionato. Una coppia di malfattori residenti in provincia di Varese, con diversi precedenti per reati della stessa specie, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Vercelli per indebito utilizzo di carta di credito in concorso.

La vittima, un 60 enne del posto, nel controllare le operazioni sul suo conto bancario si era accorto che pochi giorni prima era stato eseguito un acquisto on line dell’importo di circa 100 euro, utilizzando la propria carta di credito. Chieste spiegazioni alla banca, gli era stato consigliato di bloccare la carta di credito per evitare altri problemi e di formalizzare una denuncia rivolgendosi ai carabinieri del posto. 

I carabinieri di Santhià hanno svolto le opportune indagini scoprendo che effettivamente era stato commesso un reato poiché era stato eseguito un acquisto on line di un elettrodomestico e, individuati i due autori, li hanno denunciati.

L’invito che viene rivolto alla comunità vercellese è quello di fare estrema attenzione nell’utilizzo delle proprie carte di credito o di debito, evitando di esporsi alla sottrazione dei dati in esse contenuti (numeri e codici CVV). L’acronimo CVV sta per Card Validation (o Verification) Value e costituisce un codice di verifica della vostra carta di credito, utilizzato per garantire un ulteriore livello di sicurezza che, tuttavia, è opportuno cancellare dalla carta di credito poiché, in caso di smarrimento/sottrazione, potrebbe essere utilizzata indebitamente se presente (il codice CVV va invece memorizzato/custodito altrove).  

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore