/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 23 ottobre 2019, 22:38

Pro Vercelli-Arezzo 1 a 1. Pari d'orgoglio

Nella ripresa i ragazzi di Gilardino in 10 contro 11 stupiscono ed escono tra gli applausi

Pro Vercelli-Arezzo 1 a 1. Pari d'orgoglio

Miracolo Pro, che ha una spiegazione, però: in campo, nella ripresa, in inferiorità numerica, c’erano dieci Gilardini. La mano del tecnico su questa squadra c’è: ed è la mano di un grande tecnico.

PRIMO TEMPO

Cross di Schiavon, Pissardo trattiene alla cavolo, Cecconi da due passi si divora un gol facile facile, al secondo minuto.

Sedici minuti di gioco spumeggiante, con tante bollicine ma poca sostanza, grazie anche alle difese che fanno buona guardia.

Grossi centromediano e Schiavon a centrocampo sembrano a loro agio, soprattutto quest’ultimo.

La Pro non fa giocare l’Arezzo, pressando.

Al trentesimo la svolta: pasticcio tra Carosso e Auriletto con Moschin che frana su Gori: rigore ed espulsione del portiere.

Entra Saro ed esce Bani.

Penalty battuto da Belloni alla destra di Saro, Arezzo in vantaggio e in superiorità numerica. È il 33’. Si fa in salita per la Pro.

Ammonito Azzi.


SECONDO TEMPO

Dentro Erradi e Comi, fuori Rosso e Azzi. Pro Vercelli con un 4-3-2 senza esterni alti, dunque, ma con due centravanti.

Erroraccio di Erradi che passa a Gori, salva Saro (bravo comunque Erradi a recuperare dopo la palla persa).

Al 55’ Pro pericolosa: punizione ben battuta da Grassi, testa di Comi, para Pissardo.

Gran destra da fuori area di Belloni, respinge di pugno Saro.

Cross di Franchino e inzuccata vincente di Cecconi: 1 a 1. Meritatissimo. È il 60’.

Nell’Arezzo c’è Cutolo al posto di Caso.

Erradi e Comi – i due cambi di Gilardino – hanno cambiato la Pro.

Gran traversa di Tassi dell’Arezzo, poi Cutolo si incunea in area e tira, neutralizza Saro con bella prontezza di riflessi. Applausi per il portiere.

Gran salvataggio difensivo di Comi (forse con l’aiuto di una mano).

Entra Russo, esce Cecconi, siamo al 76’.

Subito dopo Erradi, servito da Schiavon, da due passi si mangia un gol clamoroso.

Nell’Arezzo esce Belloni (che ha fatto tribolare Volpe) ed entra Zini.

Esce Grossi, applaudito, ed entra Merio, che esordisce nella Pro (arrivò l’anno scorso dalla Juve).

Gran partita, comunque, entrambe le squadre possono vincere: ma chi l’avrebbe ipotizzata una Pro che, in dieci, fa soffrire l’Arezzo?

Quattro di recupero.






Marcatori: Belloni (Ar) su rigore al 33’. Cecconi (Pvc) al 60’.


Ammoniti: Azzi della Pro Vercelli; Volpicelli, Caso, Ceccarelli, Borghini dell’Arezzo.

Espulso Moschin della Pro Vercelli.


Arbitro De Santis di Lecce


PRO VERCELLI (4-3-3): Moschin; Franchino, Carosso, Auriletto, Volpe; Grossi (Merio dall’81’), Schiavon, Bani (Saro dal 31’); Azzi, (Erradi dal 46’) Cecconi, Rosso (Comi dal 46’). A disposizione: Saro, Quagliata, Foglia, Erradi, Comi, Ciceri, Della Morte, Russo, Pisanello, Romairone, Merio, Liberali. All. Gilardino.

AREZZO (4-4-2): Pissardo; Borghini, Ceccarelli, Baldan, Corrado; Belloni (Zini 78’), Foglia, Volpicelli (Tassi dal 51’), Caso; Rolando, Gori. A disposizione: Daga, Mosti, Sereni, Nolan, Mesina, Cutolo, Zini, Piu, Benucci, Raja, Tassi, Cheddira. All. Di Donato.



239 paganti, 808 abbonati, incasso di 4620 euro.

Remo Bassini

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore