/ Scuola

Scuola | 22 ottobre 2019, 16:14

L'Infinito e le sue mille sfaccettature

Una giornata di riflessione filosofica e letteraria con la guida di Sergio Givone

Sergio Givone

Sergio Givone

Una mattinata davvero arricchente e coinvolgente, quella di lunedì 21 ottobre, per gli allievi e i docenti degli Istituti Cavour, Lagrangia e Lanino.
Nell’aula magna dell’Istituto tecnico Cavour, il filosofo, scrittore e docente universitario Sergio Givone ha affascinato il pubblico parlando de “L’Infinito” di Giacomo Leopardi, 200 anni dopo la scrittura del famoso Idillio, e ha trattato altre interessanti tematiche.
Il giovane Leopardi aveva 21 anni quando ha scritto la poesia, circa l’età della maggior parte degli studenti presenti in sala.
L’incontro è stato ben organizzato dall’Uciim di Vercelli ed è stato presentato dalla professoressa Carla Barale.
Il professor Givone si è soffermato sul significato di infinito. Un infinito negativo nella prima parte della poesia  “Ove per poco il cor non si spaura” e positivo alla fine del testo: “E il naufragar m’ è dolce in questo mare”.
Dolce è un aggettivo di grande importanza, fa notare il professore, perché richiama il Dolce Stilnovo, la Poesia provenzale, la dolcezza.
Una panoramica con voli pindarici sull’infinito ha destato nel pubblico viva attenzione e partecipazione: da Anassimandro attraverso un suo “Frammento”, ad Aristotele  a Pascal, alla figura del Sileno, a Giordano Bruno, a Masaccio per spiegare il senso e il significato di infinito.
Sergio Givone ha evidenziato la tesi che l’infinito non esiste per Leopardi, è una finzione della mente: “Io nel pensier mi fingo”, per poi ribaltare la tesi ne “Il naufragar m’ è dolce in questo mare”, un mare immenso, infinito, reale. Quindi l’infinito al termine dell’idillio diventa reale, concreto.
L’infinito, il nulla sono stati esaminati in tutte le loro sfaccettature.
L’infinito, non per Leopardi, può essere Dio, l’immensità.
Tante le domande dei presenti a cui Sergio Givone ha risposto in modo chiaro ed esaustivo.
Tra queste la differenza tra infinito e illimitato; il rapporto tra paesaggio, natura e stato d’animo osservando la copertina del libro “Sull’Infinito” di Givone in cui vi è la fotografia del celebre quadro  “Viandante sul mare di nebbia”di Caspar David Friedrich che scruta il paesaggio, ma che sembra anche scrutare dentro la sua anima.
Tanti gli spunti di riflessione, tante le tematiche affrontate sul senso dell’esistenza.
Al termine dell’incontro sono state proiettate immagini che richiamano la mente all’infinito. Un grazie al dirigente scolastico, Paolo Massara, che ha accolto con entusiasmo l’evento apprezzandone il valore culturale ed educativo e a tutti coloro che hanno reso possibile questo incontro.

Non si può far altro che essere grati per un momento di grande Letteratura e  Filosofia, di riflessioni profonde che hanno fatto comprendere di più il senso della vita e l’Umanità che dà senso alla vita, grazie a una persona di grande umanità e cultura.

La redazione dell’Istituto professionale Lanino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore