/ Cronaca

Cronaca | 21 ottobre 2019, 12:04

Mette in vendita l'auto incidentata, truffata da due vercellesi

NEI GUAI DUE FRATELLI, POCO PIU' CHE VENTENNI, MA GIA' NOTI ALLE FORZE DELL'ORDINE

Mette in vendita l'auto incidentata, truffata da due vercellesi

Aveva messo in vendita l'utilitaria incidentata sperando di poter recuperare qualche soldo, ma è incappata nella rete di due fratelli vercellesi che l'hanno truffata.

La disavventura è toccata a una giovane donna di Tronzano rimasta vittima di un sinistro stradale. La sua utilitaria aveva subito danni tali da non essere più conveniente ripararla e lei aveva così deciso di vendere il mezzo per recuperare qualche soldo. Dopo pochi giorni si era fatto avanti un giovane di Vercelli interessato all’acquisto del mezzo, asserendo che gli servivano alcuni pezzi di ricambio per la propria autovettura. I due si sono dati appuntamento all’agenzia per formalizzare il passaggio di proprietà e in quella circostanza, il compratore, assieme al fratello di presentava con un carro attrezzi. Alla proprietaria del veicolo, i due mostravano lo schermo del telefono ove era presente l’immagine di un bonifico bancario di 690 euro fatto a loro dire poco prima on line poco prima a suo favore. La donna, non potendo accertarne il buon fine dell’operazione bancaria, si era fidata, senza sospettare di nulla. L’amara sorpresa dopo alcuni giorni, allorquando la vittima si accorgeva che sul suo conto corrente non era stata accreditata alcuna somma di denaro.
A quel punto, avendo capito di essere stata truffata, la tronzanese di è rivolta ai carabinieri di San Germano che, dopo le opportune verifiche, hanno identificato i due malfattori, due fratelli di Vercelli poco più che 20 enni di cui uno con precedenti per reati della medesima indole.

I due sono stati deferiti alla Procura della Repubblica per truffa aggravata in concorso e proposti per il foglio di via obbligatorio dal Comune di Tronzano per 3 anni, per evitare che possano ritornare in futuro e commettere altri delitti della medesima specie.
L’invito che viene rivolto alla comunità vercellese è quello di sincerarsi sempre preventivamente con la propria banca allorquando si eseguono vendite con movimentazione di denaro on line.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore