/ Arte e Cultura

Arte e Cultura | 15 settembre 2019, 09:37

"Storie del ghetto di Vercelli": è la Giornata Europea della Cultura Ebraica

APPUNTAMENTO IN SINAGOGA (E NEL GIARDINO INTERNO): CONFERENZA, LETTURE, VISITE

"Storie del ghetto di Vercelli": è la Giornata Europea della Cultura Ebraica

“I sogni, una scala verso il cielo” è il tema scelto per la Giornata Europea della Cultura Ebraica che si celebra domenica 15 settembre.

Legata al sogno di Giacobbe, alla presenza della dimensione onirica nella Torah e nel Talmud, ma anche, in un’ottica di più ampio respiro, alle speranze del popolo ebraico, le giornata propone, a Vercelli, una serie di appuntamenti di sicuro interesse culturale.-

Alle 15,30 la Sinagoga di via Foà apre le porte con visite guidate all’edificio finalizzate alla contestualizzazione del simbolo dell’emancipazione, della presenza e dell’integrazione ebraica in città. Dalle ore 16 "Storie del ghetto di Vercelli. Sogni di libertà, dialoghi – narrazioni - letture": Fabio Ponzana, con la presidente della Comunità Rossella Bottini Treves, condurrà un approfondimento su alcune vicende del ghetto ebraico di Vercelli, istituito nell’attuale via Foà nel 1740 e destinato agli ebrei, quale domicilio coatto fino al 1848, anno dell’abolizione dei ghetti dopo la promulgazione dello Statuto Albertino. Le Storie del Ghetto di Vercelli, oltre al conduttore Fabio Ponzana, insegnante e critico letterario molto conosciuto ed apprezzato in città, saranno citate dalla voce narrante di Laura Berardi, attrice reduce dal successo del reading "Diritti non dritti. Una storia di affermazioni e violazioni." curato insieme ad Antonio Maria Porretti.
Fabio Ponzana e Laura Berardi accompagneranno il pubblico durante il pomeriggio di domenica, attraverso le memorie pubblicate nel libro di Rossella Bottini Treves "Storie del Ghetto di Vercelli" dal 1749 al 1847, tassello fondamentale della storiografia ebraica vercellese, edito in prima edizione nel 1993 e in seconda ristampa nel 2008. Il libro, a disposizione per l’acquisto durante la Giornata Europea, pone l’accento su come, secondo le parole dell’autrice, «le Comunità israelitiche abbiano saputo adattarsi agli spazi ristretti e malsani a loro riservati dagli Statuti sabaudi, ed abbiano saputo prosperare fra le gravi restrizioni poste alla loro libertà, alle loro attività economiche e talvolta anche fra vessazioni e dileggi». I protagonisti della giornata saranno coloro che hanno vissuto non solo l’età del ghetto, ma le conseguenze sociali di una ghettizzazione che, al di là di una restrizione fisica, era prima di tutto una forma mentis. Ad arricchire il programma, letture da un testo inedito della Presidente Treves, destinato a diventare in futuro un’altra pubblicazione di alto livello scientifico della Comunità.

L’edizione vercellese della Giornata Europea si svolgerà interamente in Tempio, non solo nella sala di preghiera, ma anche nel giardino interno della Sinagoga. In occasione dell’evento la grafica è stata curata dalla Presidente Treves e da Ida Cirillo, giovane promettente illustratrice vercellese laureata dell’Accademia Albertina di Torino in Nuove Tecnologie dell'Arte.
Oltre alla Sinagoga di Vercelli, domenica 15 settembre sarà aperta anche la Sinagoga di Biella Piazzo, vicolo del Bellone 3 dalle ore 14,30 alle ore 18 con visite guidate gratuite ogni 30 minuti (ultima visita alle ore 17,30).

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore