/ Politica

Politica | 05 settembre 2019, 00:33

«Il nuovo Governo? Raffazzonato, con nomi mediocri»

IL COMMENTO DEL PARLAMENTARE DELLA LEGA, PAOLO TIRAMANI, SUL CONTE BIS

PAOLO TIRAMANI

PAOLO TIRAMANI

Questo nuovo Governo nasce su basi istituzionali e giuridiche, ma dal momento che non rappresenta il Paese la Lega, da subito, farà una opposizione durissima.

Dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che rispettiamo, ci saremmo aspettati più coraggio: lo scioglimento delle Camere sarebbe stata la strada maestra per ridare voce alla gente e per dare al Paese un Governo nuovo e credibile; il Presidente Mattarella, invece, ha fatto da garante a questa nuova maggioranza che, a nostro avviso, è raffazzonata e senza prospettive.

Che il nuovo Governo Partito Democratico-Movimento5Stelle sia di basso profilo è quanto mai evidente, basta scorrere i nomi. Non vedo nessuna personalità di rilievo, anzi, hanno rispolverato qualche nome che si è dimostrato impreparato nei “nostri” quattordici mesi, uno su tutti il ministro Alfonso Bonafade che il premier Conte, bontà sua, ha voluto confermare.

Ribadisco che da oggi inizia una opposizione senza sconti, dura, e che, per quanto mi riguarda, sarà incentrata soprattutto nel settore sanitario, che è da sempre l'argomento che ho particolarmente a cuore. Il lavoro non mi mancherà. Il Premier Conte, tanto per dare un contentino anche a LeU, ha nominato ministro Roberto Speranza che non ha competenze in una materia così delicata e che, di sicuro, non ha la stessa preparazione dell'ex Ministro Giulia Grillo, sulla quale, avendoci avuto a che fare, non posso che dire bene.

Il nuovo Governo è quindi di basso profilo, formato da persone che di sicuro non faranno bene e, quello che è peggio, non faranno il bene del Paese.

PAOLO TIRAMANI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore