/ Cronaca

Cronaca | 12 agosto 2019, 16:07

Il falso assicuratore affina la tecnica e colpisce ancora

SISTEMI SEMPRE PIU' CONVINCENTI PER INGANNARE I CLIENTI

Il falso assicuratore affina la tecnica e colpisce ancora

Tornano in azione i falsi assicuratori. Che rendono sempre più complete e sofisticate le modalità di azione. Così, nonostante un problema tecnico non avesse inizialmente consentito alla vittima di effettuare il versamento richiesto, la controparte è riuscita comunque a incassare il bottino mettendo in piedi un finto punto di consulenza telefonica.

A finire vittima dell'ennesimo imbroglio è stato un uomo di 65 anni, residente in un centro del santhiatese: si er messo alla ricerca di una polizza auto più conveniente in ragione dell’avvicinarsi della data di scadenza del contratto in essere, incappando in un'offerta online molto vantaggiosa: attraverso il sito Genialloyd, la vittima ha avuto accesso al portale dell’assicurazione e, inseriti i dati, ne ha ricavato un preventivo di circa 300 euro, più che soddisfacente, ed un codice da utilizzare per il pagamento effettuando un versamento attraverso le ricevitorie Lottomatica.
Alla ricevitoria, però, qualcosa non è andato per il verso giusto, per qualche ragione tecnica, verosimilmente solo temporanea, il versamento risultava costantemente impossibile da portare a termine, così il 65enne è tornato a casa e ha cercato sul web un numero telefonico dell’assicurazione per rappresentare il problema a un operatore. Qui inizia la disavventura, perché il numero reperito è un numero truffaldino. Il riferimento è molto simile a quello dell’assicurazione, ma non si tratta di un numero ufficiale. Il contatto è comunque immediato e la problematica viene affrontata e “risolta” da un cortese operatore che, alla fine, indica un numero di Postepay per versare il dovuto e risolvere più rapidamente la questione. La transazione, a questo punto, va a buon fine, e anche una copia della polizza arriva alla mail del sottoscrittore, ma con evidenti difformità rispetto a un documento autentico.
Una successiva telefonata alla sede della compagnia assicuratrice, questa volta attraverso un numero rintracciato sull’elenco telefonico ufficiale, fugato ogni dubbio, l’uomo era stato truffato, il sito utilizzato per tutta l’operazione di ricerca e richiesta del contratto era solo molto simile all’originale, ma assolutamente falso e fuorviante.
Dopo l’amara sorpresa, alla vittima non è rimasto altro da fare se non denunciare l’accaduto ai Carabinieri di San Germano che, con meticoloso impegno, hanno identificato il 37enne truffatore, denunciandolo all’autorità giudiziaria per i reati di truffa e sostituzione di persona. L'uomo, V.T., 37enne residente a Napoli, aveva già alle spalle vicende penali per reati contro il patrimonio.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore