/ Cronaca

Cronaca | 10 agosto 2019, 19:32

Tradito da una scarica di sassi: 28enne di Desana muore in Svizzera

NICOLO' MORANO HA PERSO LA VITA INSIEME ALLA SUA GUIDA; FERITE ALTRE TRE PERSONE

Nicolò Morano aveva solo 28 anni

Nicolò Morano aveva solo 28 anni

Aveva solo 28 anni il desanese Nicolò Morano, morto sul colpo mentre, con la guida alpina Federico Daricou, 38enne di Chatillon, stava salendo sul Grand Combin.

Morano è morto sul colpo, colpito da una scarica di sassi risultata fatale anche per l'esperto accompagnatore, morto all'ospedale svizzero di Sion poco dopo il ricovero. Daricou, iscritto alla Società Guide del Cervino e membro del Soccorso alpino valdostano, guidava la cordata partita nella notte dalla Cabane di Valsorey; l'incidente si è verificato sotto il Colle Meitin, a circa 3.500 metri di quota, in una ripida zona di misto. Oltre a Daricou e a Morano sono stati coinvolti nell'incidente anche tre olandesi, due dei quali sono rimasti feriti e il terzo è illeso. I medici dell'ospedale di Sion hanno tentato di tutto per salvare Daricou, ma i traumi riportati sono stati fatali.

Morano, che lavorava alla riseria Viazzo, è il secondo vercellese a perdere la vita in montagna nel giro di due giorni: venerdì, cadendo sulla Cresta Signal (Monte Rosa) era morto il valsesiano Matteo Calzoni, Teino, come tutti lo chiamavano.

leggi anche: ADDIO TEINO, MORTO A SOLI 30 ANNI

La notizia dell'ennesima tragedia in montagna amplifica anche il dolore e lo sconforto tra le guide valdostane, già colpite due giorni fa dall'incidente sulle Aiguilles Marbrées per il quale sta lottando per la vita all'ospedale di Ginevra Gianfranco Sappa, guida di Courmayeur e in cui ha perso la vita la compagna di Sappa, Giuditta Parisi.

Parlando a nome dell'Assemblea la Presidente del Consiglio Valle, Emily Rini, esprime cordoglio "per il decesso di una giovane Guida alpina, impegnata proprio nel lavoro che tanto amava"."Questa tragedia, che dimostra una volta di più come in montagna non tutto sia sempre prevedibile - prosegue Rini - segue di pochi giorni quella che ha coinvolto sul massiccio del Monte Bianco la Guida alpina di Courmayeur, Gianfranco Sappa, tuttora ricoverato in gravi condizioni. A lui rappresentiamo tutta la nostra vicinanza, anche per la perdita della compagna Giuditta, augurandoci con tutto il cuore che possa riprendersi presto".

dal nostro corrispondente ad Aosta - redaz.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore