/ Attualità

Attualità | 06 agosto 2019, 14:05

Allarme di Coldiretti: "Via libera all'importazione di vitelli canadesi nutriti con sangue e scarti animali"

L'ASSOCIAZIONE AGRICOLA: "SCEGLIETE CARNE ITALIANA PER AVERE UNA GARANZIA DI QUALITA' E SOSTENERE I PRODUTTORI"

Allarme di Coldiretti: "Via libera all'importazione di vitelli canadesi nutriti con sangue e scarti animali"

Via libera all'importazione di carne dei vitelli nutriti con sangue e altri scarti animali. E’ quanto afferma la Coldiretti nel condividere le ragioni della protesta degli agricoltori francesi contro il Ceta, l’intesa di libero scambio con il Canada, al quale si oppongono tutte le organizzazioni agricole d’Oltralpe dopo la ratifica del loro Parlamento.

A preoccupare sono anche le conseguenze sulle importazioni di carne canadese visto che nel Paese nord americano per l’alimentazione degli animali è consentito l'uso di derivati di sangue, peli e grassi trattati ad alte temperature, senza indicazione in etichetta, un sistema che in Europa è vietato da oltre vent'anni.

Il Piemonte detiene il primato italiano nella valorizzazione delle carni da razze storiche italiane e la zootecnia riveste un ruolo di grande importanza per il tessuto economico regionale. La Piemontese, con oltre 315 mila capi ed un fatturato che arriva a 500 milioni di Euro capi, rappresenta la principale razza da carne, oltre ad essere la prima razza autoctona a livello nazionale per numero di capi allevati, raggiungendo il 50% del patrimonio delle razze autoctone italiane da carne.

"In questa maniera gli accordi di libero scambio pregiudicano soltanto la vera internazionalizzazione dei prodotti agroalimentari piemontesi – commentano Roberto Moncalvo, presidente di Coldiretti Piemonte, e Bruno Rivarossa, Delegato Confederale – poiché non  viene salvaguardato il principio di tutela.  Deve essere data facoltà ai singoli Stati di poter fare i controlli non solo nei Paesi dove la merce arriva, ma dove viene prodotta. Le intese di libero scambio devono essere basate su tre principi: parità di condizioni, efficacia dei controlli, reciprocità delle norme sugli impatti ambientali, economici e sociali e questo vale ancora di più per le verifiche igienico sanitarie e la sicurezza alimentare. Invitiamo, quindi, i consumatori a prestare attenzione nella fase di acquisto e i macellai insieme alla grande distribuzione del territorio a valorizzare le nostre produzioni, prediligendo la carne etichettata secondo i disciplinari previsti dai consorzi piemontesi, quali Coalvi, Asprocarne, Compral e Co&Co: questo consente di avere una garanzia sulla qualità, salubrità e provenienza del prodotto. Scegliere di acquistare nelle aziende o nei mercati Campagna Amica, infine, vuol dire avere la certezza di portare in tavola prodotti freschi, genuini e tracciabili. Continuiamo, certamente, a pretendere Aa livello comunitario che i prodotti importati, allevati o coltivati nel resto del mondo, abbiano lo stesso sistema di valutazione e le stesse regole imposte alle nostre imprese".

dal nostro corrispondente a Torino

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore