/ Attualità

Attualità | 16 luglio 2019, 09:36

WeTakeCare: il nuovo servizio dedicato all’assistenza alla persona

ATTIVATA LA RETE DI SPORTELLI CHE METTE IN CONTATTO PERSONALE QUALIFICATO E FAMIGLIE

WeTakeCare: il nuovo servizio dedicato all’assistenza alla persona

Tutto è iniziato l’anno scorso con un bando della Regione e l’idea di Andrea Raineri di proporre Vercelli capofila per un progetto importante che coinvolge sette enti gestori su due province e che darà un grande aiuto in un campo delicato come quello dell’assistenza personale.

Ora quell’idea è in fase attuativa: una realtà che coinvolge le zone di Vercelli e del Verbano Cusio Ossola con un servizio gratuito che permetterà, a chiunque ne avesse bisogno, di trovare un’assistente familiare semplicemente recandosi a uno sportello tra quelli appositamente allestiti.

Sottrarre l’assistenza da un mercato non controllato e affidarla a professionisti è un’azione che ha una doppia ricaduta positiva. Da una parte crea un “albo” di professionisti dell’assistenza, sia provvedendo a una specifica formazione, sia riconoscendo titoli o esperienze pregresse di figure già formate, operando così una selezione di personale che potrà essere inserito in un circuito di ricerca lavoro mirato.

Dall’altra parte tutela la famiglia che cerca aiuto assicurando una soluzione che risponda alle singole esigenze. Gli Operatori sociali dei Consorzi infatti si occuperanno di accogliere e ascoltare le famiglie, per poi attingere, in base alle necessità del caso, alle competenze degli assistenti selezionati. Non solo. WeTakeCare, sottolinea l'assessore alle Politiche Sociali Ketty Politi, provvede anche a fornire supporto per la risoluzione di eventuali contenziosi e per il disbrigo della parte contrattualistica (contribuendo a far riemergere il lavoro sommerso fatto di contratti inadeguati o in nero), tutelando contemporaneamente la famiglia dell’assistito e l’assistente. Sono inoltre previsti incentivi a chiunque decida di assumere, in questo modo, personale per l’assistenza.

Il progetto sarà finanziato dalla Regione per due anni, ma l’ambizione di tutta la Rete di Consorzi Socio-Assistenziali delle province di Vercelli e del Verbano-Cusio-Ossola e dei Centri per l’Impiego coinvolti è quella di fare in modo che gli sportelli diventino una realtà radicata e autofinanziata che possa continuare a operare sul territorio.

Gli sportelli sono attivi nelle sedi di Vercelli e Gattinara di Coverfop, nelle sedi di Vercelli e Borgosesia di Formater, nelle sedi Formont e Anteo a Varallo e nei Centri per l’impiego di Vercelli e Borgosesia.

Per ulteriori informazioni è possibile scrivere all’indirizzo assistentifamiliari@coverfop.it

Simona Matraxia

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore