/ Politica

Politica | 28 giugno 2019, 16:54

Riva Vercellotti: «Basta con i carri bestiame»

DA TROPPO TEMPO RICEVO MESSAGGI DI UTENTI CHE CHIEDONO IL RISPETTO DELLA DIGNITA' - NECESSARIO AUMENTARE IL NUMERO DELLE CARROZZE

Il consigliere regionale Carlo Riva Vercellotti

Il consigliere regionale Carlo Riva Vercellotti

Sui gravi disservizi (acuiti dal caldo) che si stanno registrando in questi giorni sui treni regionali veloci della tratta Torino-Milano un intervento del Consgliere regionale Carlo Riva Vercellotti

 

In questi giorni ho avuto contatti costanti con il neo assessore ai Trasporti Marco Gabusi a seguito delle decine di segnalazione che mi sono pervenute da parte dei pendolari della tratta ferroviaria Torino-Milano. Sono stanco di leggere messaggi come quello ricevuto oggi da un mio concittadino vercellese "Carlo scusa se ti rompo, è la disperazione che mi fa scrivere. Non c'è una carrozza vivibile. Ci saranno 45 gradi, oggi è un delirio peggio di ieri. Dovete fare qualcosa".

Da troppo tempo ricevo messaggi come questo senza che venga risolto un problema che è legato essenzialmente al rispetto della dignità della persona. Gli utenti delle nostre linee ferroviarie hanno diritto di poter viaggiare su treni sicuri, confortevoli, puliti e puntuali: non importa che siano lavoratori, studenti o turisti. I carri bestiame devono finire! Esistono dei contratti con degli standard ben precisi che devono essere fatti rispettare e l'assessore Gabusi - come ha avuto modo di sottolineare in una nota stampa proprio oggi - si muoverà in questo senso nei prossimi giorni. Sono certo che daremo seguito al programma scritto con il presidente Cirio.

E' necessario aumentare il numero di carrozze nelle ore di punta ed è indispensabile rivedere i contratti di programma con Trenitalia e Rfi per ottenere più efficienza portando a pagare per i disservizi i manager strapagati che da anni non vengono mai sanzionati". 

Carlo Riva Vercellotti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore