/ Cronaca

Cronaca | 25 giugno 2019, 08:04

Pedone investito, automobilista finisce in manette

ATTESA L'UDIENZA DI CONVALIDA PER LE ACCUSE DI RESISTENZA A PUBBLICO UFFICIALE. L'UOMO ERA POSITIVO ALL'ALCOLTEST

Pedone investito, automobilista finisce in manette

E’ finito in manette con le accuse di violenza e resistenza a pubblico ufficiale l’uomo di 38 anni di Palazzolo che domenica, dopo aver percorso in retromarcia circa 300 meti di via Mazzini, a Crescentino, ha investito un pedone, schiacciandolo contro la colonna dei portici. Nelle prossime ore è attesa l'udienza di convalida. L'uomo è anche risultato positivo all'alcoltest, ma le indagini su quanto accaduto nel tardo pomeriggio di domenica sono ancora in corso: oltre all'accusa di lesioni stradali, la ricostruzione della dinamica potrebbe portare a nuove, pesanti accuse nei confronti del palazzolese che, una volta sceso dall'auto, ha iniziato a dare in escandescenze e urlare sotto lo sguardo attonito e spaventato delle molte persone che affollavano la zona.

leggi anche: ENTRA IN RETROMARCIA IN UNA STRADA E INVESTE UN PEDONE

I carabinieri hanno sentito diverse persone e svolto indagini per capire se, dietro all'incidente, ci possa essere altro: per ora è stato stabilito che le due persone coinvolte si conoscevano e le indagini si stanno dunque concentrando sui rapporti tra i due. 

Intanto, dal Cto, dove è stato ricoverato, arrivano notizie positive per il ferito: il medici lo hanno dichiarato fuori pericolo e hanno sciolto la prognosi. Le fratture al bacino guariranno in un tempo compreso tra i 30 e i 60 giorni.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore