/ Economia

Economia | 24 giugno 2019, 13:21

Perché la fatturazione elettronica ha cambiato le nostre vite

Perché la fatturazione elettronica ha cambiato le nostre vite

La normativa che ha imposto l'introduzione e l'obbligo della fatturazione elettronica ha inciso in misura notevole sulle nostre vite, anche perché ha cambiato le modalità con le quali le fatture devono essere compilate, spedite, ricevute e conservate. Abbandonato il cartaceo e messi da parte i fogli di calcolo e gli editor testuali come Excel e Word, al giorno d'oggi non si può fare a meno di utilizzare i gestionali e i software di fatturazione. In passato, la fattura che veniva compilata dal fornitore era inoltrata al cliente tramite la posta elettronica o spedita in busta, e il destinatario era tenuto a conservarla per dieci anni. 

La fatturazione elettronica e il Sistema di Interscambio

Oggi non è più così, per effetto del Sistema di Interscambio dell'Agenzia delle Entrate, che rappresenta un percorso unico standardizzato che definisce la fatturazione elettronica. Essa viene compilata con un software ad hoc ed è firmata in digitale, con la cosiddetta firma elettronica qualificata: a occuparsene può essere il soggetto emittente o, in alternativa, un intermediario, come per esempio un commercialista. Il Sistema di Interscambio è la piattaforma attraverso la quale la fattura emessa deve essere spedita al destinatario: esso costituisce il punto di passaggio obbligato per qualsiasi fattura elettronica, a prescindere dal fatto che essa venga emessa verso un privato o verso la pubblica amministrazione. Il compito della piattaforma è quello di accertare la correttezza del formato del documento, e al tempo stesso verificare la completezza dei dati inseriti. 

Come devono essere conservate le fatture elettroniche

Il sistema digitale della fatturazione elettronica fa sì che il supporto cartaceo possa essere accantonato in modo definitivo: ciò, tra l'altro, permette di abbattere un bel po' di costi, relativi non solo alla stampa ma anche alla spedizione e alla conservazione. Al momento, infatti, l'archiviazione si basa su una procedura informatica in virtù della quale i documenti assumono valore legale. La conservazione sostitutiva si applica a tutti i documenti, tra i quali le fatture, che devono essere conservati per legge. 

Agyo Fatturazione

Chi è alla ricerca di un gestionale fatture elettroniche può fare sicuro affidamento su Agyo Fatturazione, che si presenta come una piattaforma software concepita per la spedizione e la ricezione delle fatture, coinvolgendo i fornitori, i clienti, la pubblica amministrazione e i commercialisti. FEPA, per esempio, è un software in cloud che assicura la gestione di tutto il processo di fatturazione, destinato alle imprese che lavorano con i privati o con la pubblica amministrazione. La trasmissione delle fatture in formato XML, la gestione delle notifiche del Sistema di Interscambio e l'apposizione della firma digitale sono solo alcuni dei servizi di cui si può usufruire per un monitoraggio integrale di tutti i processi. 

Le fatture elettroniche per l'acquisto di carburante

L'obbligo di fatturazione elettronica ha portato con sé novità significative anche per l'acquisto di carburante. I benzinai sono tenuti a emettere la fattura digitale per tutte le operazioni che non superano i 300 euro: il riferimento, ovviamente, è solo per le imprese e per i liberi professionisti che poi possono scaricare l'Iva. Gli esercenti sono tenuti a munirsi di un lettore in grado di leggere il QR code con i dati del cliente in modo automatico. La ragione sociale, l'indirizzo, il codice fiscale e la partita Iva sono i dati dell'azienda che è necessario conoscere per l'intestazione della fattura, ma c'è bisogno anche di sapere l'indirizzo telematico del destinatario.

Cosa bisogna fare per detrarre l'Iva

La detrazione dell'imposta sul valore aggiunto dagli acquisti di carburante impone che i pagamenti siano eseguiti tramite strumenti che garantiscano la tracciabilità. La fatturazione elettronica, insomma, è necessaria anche quando si fa benzina, così che sia possibile riconciliare le fatture e i pagamenti. 

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore