/ Spettacoli

Spettacoli | 22 giugno 2019, 09:09

Viotti Festival: chiusura in grande stile con Rimonda e la Camerata

CONCERTO AL TEATRO CIVICO

Guido Rimonda

Guido Rimonda

Il Viotti Festival chiude la stagione un concerto capace di avvincere e trascinare sia per l'inarrivabile bellezza dei brani in programma, sia per la presenza in veste di violino solista e direttore di Guido Rimonda, solista residente del Festival, accompagnato dalla sua Orchestra Camerata Ducale.

Quello che andrà in scena domenica 23 giugno al Teatro Civico di Vercelli (ore 21, concerto in abbonamento) sarà dunque un evento memorabile, nel quale il cartellone principale troverà una degnissima conclusione con una serata nella quale il pubblico vercellese si stringerà idealmente intorno alle vere “anime” del Festival, ossia il generoso e inesauribile Guido Rimonda e la  Camerata Ducale, colonna portante delle lunghe e impegnative stagioni concertistiche vercellesi nonché di fortunate quanto prestigiose tournées internazionali.

E il programma proposto sarà all'altezza di tanta attesa. Il concerto vercellese si aprirà infatti con il Concerto n. 1 per violino e archi di Haydn, che vedrà Rimonda esibirsi in veste di violino solista: un'opera di grande piacevolezza e sicura presa, improntata a un felice equilibrio e a un intenso lirismo. Non si saranno ancora spente le emozioni suscitate da Haydn, e già il pubblico si troverà immerso nel mondo incantato di Mozart, con lo spigliato, brillante e radioso Concerto per violino e orchestra K 216, nel quale la parte del violino solista sarà ancora una volta affidata alle mani sapienti di Guido Rimonda. Il quale si calerà poi nell'impegnativo ruolo di direttore d'orchestra per affrontare il gran finale, guidando la Camerata Ducale in una delle più stupefacenti architetture musicali mai concepite: la Sinfonia K551, denominata Jupiter probabilmente per iniziativa dell'impresario londinese Salomon.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore