/ Scuola

Scuola | 12 giugno 2019, 12:42

"Diversamente insieme": tante occasioni di crescita con gli ospiti dei centri comunali

FESTA FINALE DOPO L'ESPERIENZA DEI RAGAZZI DEL LANINO ALLA CASCINA BARGE' E AL CENTRO GALILEI

"Diversamente insieme": tante occasioni di crescita con gli ospiti dei centri comunali

"Quando qualcuno vi regala un disegno, fatene tesoro, vi sta regalando la propria anima!" (C. Lavatino): questo è il dono che i ragazzi, che hanno partecipato al progetto “Diversamente insieme”, hanno offerto con i loro lavori giovedì 30 maggio, alle 10, all’Istituto Professionale Lanino di Via Verdi, nel corso dell’evento conclusivo. Le attività hanno coinvolto i ragazzi delle classi del Corso dei Servizi per la Sanità e l’Assistenza Sociale e gli utenti dei centri diurni per diversamente abili del Comune di Vercelli: Cascina Bargè e Galilei.
Il percorso relativo all’anno scolastico 2018/2019 si è concluso con un momento di festa e di saluti in cui i partecipanti hanno potuto rivedere le attività svolte nel corso dell’anno grazie ai video e agli interventi che hanno raccontato l’incontro con la disabilità e la diversità condivise con gli utenti dei Centri Diurni e con i loro educatori  Gianni Ghisio, Gianna Caldera e Maria Siclari.
Il primo dei percorsi presentati riguarda la realizzazione degli addobbi e le attività di animazione con canti, musica e giochi di luce molto suggestivi ed emozionanti della festa di Natale, coordinati alle professoresse Valentina Virdò e Mariella Demagistri. Queste esperienze hanno rappresentato per gli allievi della classe II  B un primo approccio alla pratica nella realtà sociale e per molti sono state un’occasione per scoprire situazioni e mondi completamente diversi.
Successivamente, le allieve Erica Visco della classe III B, Aurora Di Cesare della IV B, Chiara Comello e Alice Beltrame della IV A  hanno descritto le fasi del laboratorio di espressione creativa e corporea “Scarabocchi”, proposto dalla professoressa Ausilia Fra in collaborazione con le professoresse Donatella Capra, Daniela Dimitri, Maria Guida e Valentina Virdò: "Durante il laboratorio abbiamo preso contatto, insieme ai ragazzi dei centri diurni, con emozioni e sensazioni che provavamo da bambini quando iniziavamo a fare i primi scarabocchi… Erano le prime tracce di noi stessi, della nostra espressione grafica, della nostra energia e della nostra personalità".
Infine la professoressa Maria Guida ha illustrato con un video le attività, condotte con la professoressI Mariella Demagistri, di “Musica e movimento” rivolte alle classi II A e II B. In questi giochi ognuno ha potuto riscoprire la parte più giocosa, spontanea e autentica di sé interagendo con i compagni e regalando agli altri i propri contributi più originali e nascosti.
Ogni intervento ha rappresentato per i presenti una preziosa occasione per riflettere sulle numerose opportunità di crescita e sviluppo offerte dall’incontro con la diversità e ha generato proposte per futuri sviluppi e progetti.
Al termine degli interventi la vicepreside, professoressa Gabriella Colazzo, ha portato i saluti del Dirigente Paolo Massara e ha ringraziato i partecipanti per l’entusiasmo e la sensibilità dimostrati con la consegna degli attestati di partecipazione.
A ognuno è stato inoltre regalato un quaderno artigianale prodotto dalle classi dell’Istituto, per rinnovare l’invito a non smettere di scarabocchiare e di disegnare, per continuare a esprimere e a donare la propria energia, la propria personalità e la propria anima, proprio come è accaduto durante gli incontri del progetto.

La redazione dell'Ipc Lanino

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore