/ Attualità

Attualità | 19 maggio 2019, 22:02

Privacy violata? L'Asl annuncia un'indagine interna

INTERVENTO DELL'AZIENDA SANITARIA LOCALE DOPO LE POLEMICHE DELLA CAMPAGNA ELETTORALE

Privacy violata? L'Asl annuncia un'indagine interna

Dall'Ufficio comunicazione dell'Asl Vercelli riceviamo e pubblichiamo.

Leggiamo da notizie di stampa che un candidato alla elezione nel consiglio comunale vercellese afferma di essere a conoscenza di atti costituenti reato penale di violazione del codice di garanzia della privacy vigente, a danno di cittadini che sarebbero stati ricoverati nei reparti del nostro ospedale, fatto da lui ritenuto commesso da (altri) candidati che suo parere ne avrebbero avuto la possibilità.

La nostra istituzione pubblica, quella dell'ospedale locale, vive della fiducia dei suoi pazienti ed a essi si rivolge con tutte le sue risorse, per erogare un servizio essenziale quale la assistenza e cura.

In qualità di rappresentanti legali di quella istituzione, vogliamo perciò qui fermamente rappresentare che poiché il rispetto delle norme sulla privacy è un dovere di ogni membro della nostra collettività di cura, verrà avviata una indagine interna per l'accertamento di quanto asserito e, ove vengano riscontrate violazioni, assumeremo i provvedimenti necessari, a partire dalle opportune denunce penali. 

Tuttavia, nella auspicata ipotesi che quanto dichiarato risulti infondato, questa direzione non potrà esimersi dall'intraprendere ogni strada volta a tutelare la reputazione e quindi l'essenza stessa della istituzione da noi rappresentata.

Auspichiamo, nel frattempo, che anche le testate giornalistiche siano prudenti, pur nel periodo critico attraversato e consentano il dovuto contraddittorio nella gestione delle notizie, per accertarne la fondatezza e quindi le conseguenti responsabilità.

Ribadiamo che come Asl Vercelli non abbiamo mai ricevuto alcuna comunicazione o segnalazione in merito a quanto denunciato. Prendiamo in assoluto le distanze da polemiche politiche strumentali  su argomenti di salute pubblica.

 

Prendiamo atto della decisione dell'Asl di avviare un'indagine interna. Ma, per quanto riguarda www.infovercelli24.it, nessuno ha chiamato in causa l'azienda sanitaria. L'affermazione del candidato sindaco Alberto Perfumo era la seguente: «Ci risulta che qualcuno abbia usato le liste dei propri pazienti per invitarli a un evento della campagna elettorale, in spregio al buon gusto e alla privacy».

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore