/ Politica

Politica | 05 maggio 2019, 16:00

Intervista ai candidati/9: Miriam Leone, Pd

«GRAZIE A MAURA FORTE VERCELLI E' RINATA E NON E' PIU' UNA CITTA' DORMITORIO»

Miriam Leone, candidata nel Pd

Miriam Leone, candidata nel Pd

Miriam Leone, c'è una parte del commercio cittadino che si sta schierando con Corsaro ma ce n'è una parte che invece punta, o meglio ripunta, su Maura Forte. Dal momento che lei si candida con il sindaco uscente, credo che il suo giudizio su questi cinque anni di amministrazione siano positivi. E ancora: è stato tutto positivo o qualche correttivo va apportato?

Ho vissuto il commercio di Vercelli, in quanto per anni ho avuto attività commerciali proprio nel Centro storico della città. Come hai detto tu il mio giudizio su Maura Forte è positivo, si è impegnata molto sul turismo organizzando eventi culturali e di animazione commerciale e qui posso dire di sentirmi protagonista avendo contribuito nell’organizzazione di diverse manifestazioni. Il lavoro, fiore all’occhiello di questa Amministrazione, ha un trend positivo e questo vuol dire che la strada è quella giusta ma c’è moltissimo ancora da fare. Il Centro storico avrebbe bisogno di un Brand commerciale importante, come Zara che qualche anno fa voleva investire a Vercelli ma è stato ostacolato l’ingresso. Non ne soffrirebbero i negozi del centro ma sarebbe un punto di forza in quanto attrattore e quindi un valore aggiunto. L’insediamento di un Brand importante porterebbe inoltre anche posti di lavoro e incrementerebbe le vendite dei nostri negozi. Di questo ne sono convinta… e che bello sarebbe se proprio i nostri commercianti dovessero avere bisogno di personale da assumere.

Qualche correttivo va apportato? Sicuramente ma il percorso è in salita, si può sbagliare ma è importante il confronto con gli addetti ai lavori, le competenze e le esperienze. Maura in questi cinque anni è stato un Sindaco presente che si è sempre confrontata con tutti.


Lei è molto conosciuta in ambito commerciale e tra le categorie. Si presenti a chi non la conosce.

La mia esperienza lavorativa nasce come commessa in un importante negozio di abbigliamento vercellese, è stata una bella scuola ed un’esperienza vissuta positivamente che mi ha fatto decidere a distanza di qualche anno, di mettermi in proprio. Ho avuto diverse attività e ho vissuto le difficoltà commerciali ed economiche dei Commercianti di Piazza Cavour dove purtroppo non c’era un dialogo con l’amministrazione e non c’era la volontà di capire e di venire incontro alle difficoltà che si stavano vivendo: chiusura della Piazza, spostamento del mercato, desertificazione. Era importante intervenire con alternative costruttive per riportare la gente a frequentare il Centro Storico.

Fosse stata Maura Forte il sindaco di quel periodo sono certa che sarebbe stata presente e avrebbe cercato di andare incontro alle grosse difficoltà che si stavano vivendo. Purtroppo qualche attività in quegli anni ha chiuso.

In quel periodo nasce l’idea di organizzare il primo mercatino dedicato agli hobbisti creativi, uno dei primi nati in Piemonte “Art & Decoupage” . Da li il seguito dell’organizzazione del mercatino Bio, antiquariato, Il Palio della Torta e Le Vie della Magia che coinvolgeva tutti i commercianti del Centro Storico con animazione in piazza per i più piccoli.

Sono Vice Presidente di Confesercenti dal 2004 e mi occupo da diversi anni di manifestazioni ed eventi. Abbiamo portato a Vercelli il primo Street Food Euromercato, Platea Cibis, la Festa dello Sport, abbiamo organizzato eventi sul Bere Consapevole, ma oltre agli eventi, come dirigente dell’Associazione sono stata seduta a tavoli di lavoro per lo sviluppo e la progettualità della città ed il confronto anche nell’ambito del volontariato.

Collaboro con l’azienda familiare che si occupa del Merchandising di Campionati Europei e Mondiali di Sport minori e altro, ed avendo partecipato in Germania, Repubblica Ceca, Austria, ad alcuni eventi, credo che ci sia anche per Vercelli la possibilità di ospitare uno di questi Campionati. Per esempio a Magdeburgo sono stata affascinata dal Campionato Europeo di Cori, un evento di livello Internazionale che mi piacerebbe portare a Vercelli.

Sono anche Responsabile Amministrativo di un’azienda Vercellese che si occupa di vendita e assistenza di attrezzature per la ristorazione, azienda nata a Torino circa 7 anni fa e che, sono orgogliosa di poter dire che ha trasferito la Sede proprio a Vercelli. L’azienda ha la volontà di ampliarsi e quindi anche noi faremo parte del trend positivo della città.

Diciamo che chi mi conosce sa bene l’impegno e la passione che metto nel fare le cose. Qualcuno mi chiede come faccio a fare tutto perché gli impegni sono tanti. Dedico tante ore del mio tempo libero perché amo questa città, ci metto impegno e organizzo con passione. Qualcuno mi chiama caterpillar 


Un suo messaggio al futuro sindaco – non importa che si chiami Corsaro, Perfumo, Forte, Catricalà, Scheda o Ferrari o Bodo. Di che cosa ha bisogno, veramente, la città?

Questa città ha bisogno di proseguirei il cammino avviato dal Sindaco Forte nell’incremento delle opportunità di lavoro, approfittando della posizione logistica per lo sviluppo del nostro territorio. Questo deve essere il primo obiettivo dell’Amministrazione e oggi questa grande opportunità c’è.

Occorre continuare a far conoscere Vercelli, perché la nostra città è bella e piace. Noi lo riscontriamo dalle telefonate che riceviamo di gente che viene con la scusa del mercatino dell’antiquariato, poi visita la città, spende nei nostri negozi, ristoranti, visita Musei, approfitta delle numerose iniziative culturali e poi ritorna. Il turismo è fondamentale per la crescita commerciale di un territorio e il Sindaco e la sua Giunta devono impegnarsi per continuare su questo percorso.

Inoltre direi che Vercelli comincia ad essere apprezzata anche dai Vercellesi che spesso la paragonavano ad una città dormitorio ed a una città che non offriva niente, ecc. E’ da tempo che non sento più fare questi commenti, vuol dire che qualcosa sta cambiando.

I cittadini vedono oggi una città che evolve e cresce anche grazie alle opportunità offerte dalla Banda Ultralarga che fa di Vercelli una delle Città più “veloci” del Piemonte.

Una città piacevole, più sicura e rispettosa dell’ambiente grazie alla nuova illuminazione. Una città che si è aperta anche al dialogo con il terzo settore: mai come in questi ultimi anni si sono moltiplicate le iniziative benefiche e di volontariato.

E qua mi fermo, anche se l’elenco delle cose “fatte” davvero per il bene pubblico sarebbe ancora lungo e il futuro Sindaco deve assolutamente portare avanti queste iniziative.

Fondamentale è il dialogo che il Sindaco deve avere con tutte le istituzioni, categorie e stakeholders, deve comunicare e confrontarsi con la città grazie alla squadra di lavoro di cui si circonda: assessori e consiglieri.

Maura Forte l’ha fatto, Maura Forte c’è.

rb

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore