/ Salute

Salute | 04 maggio 2019, 11:19

"Lavati le mani: salverai delle vite"

GIORNATA MONDIALE DELL'IGIENE: SIETE SICURI DI SVOLGERE CORRETTAMENTE QUESTA IMPORTANTE ATTIVITA'?

"Lavati le mani: salverai delle vite"

"Salva delle vite: lavati le mani” (Save lives: clean your hands) è lo slogan dell’undicesima edizione della “Giornata Mondiale dell'igiene delle mani” promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che si celebra ogni 5 maggio. Lavarsi le mani è un gesto tanto semplice quanto importante, sia in medicina che nella vita quotidiana, per ridurre i rischi di trasmissione di microbi potenzialmente pericolosi.  Lavarsi le mani correttamente è una delle misure più efficaci per proteggersi dalle infezioni e dalle tossinfezioni alimentari. Molte persone sottovalutano l’importanza di lavarsi frequentemente le mani, soprattutto fuori casa, non considerando che sono ricettacolo di germi che possono essere responsabili di varie malattie; il maggior numero di contaminazioni e trasferimenti di germi avviene, infatti, attraverso le mani. Nell'ASL NO, dal 2010 vengono messe in atto iniziative per promuovere questa pratica attraverso corsi di formazione per operatori sanitari e volontari oltre che azioni di sorveglianza, controllo e autocontrollo. Lavarsi correttamente le mani ogni volta che è necessario nella propria attività lavorativa è una responsabilità professionale e dovere etico-deontologico per gli operatori sanitari. L’igiene delle mani è un gesto semplice che tutti, assistiti, parenti, volontari, visitatori e badanti, possono effettuare per rendere più sicuri gli ambiti di cura e assistenza.

Quando è importante lavarsi le mani?

-prima e dopo la preparazione degli alimenti (anche durante, se si è entrati in  contatto con carni crude, frutta e verdure sporche di terra o gusci d'uovo);
-prima di mettersi a tavola;
-prima e dopo aver badato ad una persona malata;
-prima e dopo aver curato un taglio o una ferita;
-dopo essere stati in bagno;
-dopo aver cambiato i pannolini o aver pulito il naso, gli occhi, la bocca o le parti intime di un bambino;
-dopo aver soffiato il naso, tossito o starnutito;
-dopo aver toccato gli animali, i loro giochi, la loro ciotola, il loro cibo o cucce, lettiere e gabbie;
-dopo aver manipolato la spazzatura;
-dopo aver maneggiato i soldi;
-dopo aver afferrato sostegni, ringhiere, maniglie in luoghi affollati e mezzi pubblici;
-dopo aver stretto molte mani;
-dopo aver fatto le pulizie o essere entrati in contatto con materiali visibilmente sporchi;

Come si lavano le mani?
Le mani vanno lavate per 40-60 secondi se si usano acqua corrente e sapone. 
Quando le mani non sono visibilmente sporche è possibile igienizzarle usando l'apposito gel idro-alcolico per circa trenta secondi.

dal nostro corrispondente a Novara

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore