/ Politica

Politica | 25 aprile 2019, 10:01

Luigi Bobba: «Nel listino, per tre semplici ragioni»

SIAMO L'UNICA REGIONE DEL NORD ANCORA GUIDATA DAL CENTROSINISTRA: SE VINCE CHIAMPARINO IL PIEMONTE SARA' UN ARGINE CONTRO IL NAZIONAL-POPULISMO

Bobba e Chiamparino

Bobba e Chiamparino

Se mi aveste chiesto anche solo una settimana fa di una mia eventuale candidatura nel listino del presidente Chiamparino, vi avrei risposto senza esitazione in modo negativo. Poi, nel volgere del fine settimana di Pasqua, per le vie non sempre prevedibili della politica, mi è stata chiesta la disponibilità' a far parte del "listino del Presidente Chiamparino". Chiariamo subito di che si tratta. Alle prossime elezioni regionali, i cittadini eleggeranno 40 consiglieri nei rispettivi collegi provinciali esprimendo un voto per il partito prescelto e, se lo desiderano, indicando una preferenza per uno dei candidati del proprio collegio. Altri 10 consiglieri saranno attribuiti per legge al candidato Presidente che il 26 maggio avrà ottenuto il maggior numero di voti. Un premio di maggioranza che consente al vincitore di avere appunto una maggioranza stabile nel nuovo Consiglio regionale. Ecco, per volere di Chiamparino e del Partito Democratico piemontese sono stato inserito nel "listino del presidente". Gli elettori non dovranno scrivere il mio nome sulla scheda, ma semplicemente scegliere Chiamparino e il Partito Democratico.

Perchè ho accettato questa proposta? Per tre semplici ragioni.
La prima: in Piemonte si gioca una sfida che riguarda tutto il Nord. Siamo l'unica regione del Nord ancora guidata dal centrosinistra. Tutte le altre hanno eletto presidenti leghisti. Il Piemonte, con la vittoria di Chiamparino, può essere un argine al dilagare del nazional-populismo. Con l'esperienza maturata, sia in campo sociale che politico-parlamentare, voglio fare la mia parte per mettere un freno a questa deriva dannosa per tutto il Paese.
Seconda ragione: sono vercellese e come tale vorrei provare a dare un'opportunità di rappresentanza in Consiglio regionale ad una delle provincie "piccole" dell'Alto Piemonte. Con la presenza nel listino, se Chiamparino vincerà le elezioni, avrò la possibilità di continuare un lavoro di rappresentanza del mio territorio che ho sempre cercato di fare come parlamentare fino al 2018.
Infine, terza ragione: desidero dare il mio contributo affinché' il Piemonte possa diventare uno straordinario laboratorio di innovazione tecnologica e della conoscenza; riesca a dar vita ad un' originale esperienza di welfare comunitario; e insieme essere un ponte che guarda senza paura all'Europa e al mondo.

Luigi Bobba

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore