/ Politica

Politica | 24 aprile 2019, 19:57

"Siamo la Vercelli del Sì, della concretezza e del lavoro": i 32 nomi della lista del Pd

ASSESSORI E CONSIGLIERI USCENTI, UNA PATTUGLIA DI GIOVANI E POI MILITANTI "ORGOGLIOSI DI FAR PARTE DI UN PARTITO". IL SINDACO FORTE: "CON IL NOSTRO LAVORO VERCELLI E' RESUSCITATA"

"Siamo la Vercelli del Sì, della concretezza e del lavoro": i 32 nomi della lista del Pd

Una lista "orgogliosamente di partito. Composta da attivisti, da persone che credono nel Pd e in quello che può dare alla buona politica". E' Michele Gaietta, segretario provinciale del partito - già presidente del Consiglio e poi consigliere comunale - a presentare il gruppo dei 32 che affiancheranno Maura Forte nella corsa alla rielezione.

Il partito di maggioranza relativa, quello che più di tutti ha garantito la tenuta dell'amministrazione nei tanti momenti difficili attraversati nel corso del mandato, si presenta agli elettori con alcune importanti novità.

"In primo luogo un gruppo di giovani, validi e motivati, che sono cresciuti all'interno del partito grazie al grande lavoro svolto da Alberto Fragapane" dice Gaietta.

Tra loro anche il "millennials" Marco Aurelio Dabbene, classe 2000, al momento forse il più giovane candidato della tornata elettorale. Altri quattro sono nati negli anni '90 (oltre a Fragapane, anche Claire Marie Mortarotti Mbatazi, Samuele Giatti e Rosario Orlando).

Poi c'è il gruppo dei "veterani", consiglieri e assessori uscenti. Oltre al capogruppo Costantino Zappino (che sarà capolista), la pattuglia comprende Gaietta, Patrizia Jorio Marco, Manuela Naso (attuale presidente del Consiglio), Francesca Tini Brunozzi, Rosaria Vinci e Massimo Bignardi, mentre, tra gli assessori, ci sono il vice sindaco Carlo Nulli Rosso, Michele Cressano, Maria Moccia e Graziella Ranghino. A loro si aggiungono Niello Pietropaolo e Mino Vittone (che furono assessori all'epoca del secondo Bagnasco).

"E poi ci sono militanti del Pd e persone che si sono avvicinate al partito in questi anni - aggiunge Gaietta -. Tutti pronti e disponibili a candidarsi in prima persona, senza mettere la moglie di..., o il figlio di... La nostra lista è fatta da persone che credono nei valori del Pd e sono pronti a mettersi in gioco per la loro città. Ai vercellesi chiediamo il voto per continuare il buon lavoro fatto in questi cinque anni".

Un messaggio ribadito da Maria Moccia - che come Gaietta è candidata alle Regionali - che ricorda l'impegno portato avanti dalla pattuglia degli assessori in questi anni.

"Abbiamo trovato una città in declino - dice il sindaco Maura Forte - e le abbiamo ridato un futuro. Vercelli in questi cinque anni è risuscitata grazie all'impegno di persone corrette, persone perbene, che hanno lavorato in silenzio e con serietà. Siamo la Vercelli dei progetti, la Vercelli del sì alle opportunità di sviluppo, la Vercelli dei fatti concreti. Volete un esempio? Qualcuno annunciò l'arrivo della scuola di design nell'area Sambonet: l'avete vista? Noi abbiamo lavorato sodo e portato a casa il corso di laurea in Scienze infermieristiche e i master di specializzazione. Corsi, realizzati in condivisione con Università e Asl, che hanno una rilevante ricaduta sulla città. Abbiamo avviato un cambiamento e ora vogliamo completarlo con serietà, onestà e trasparenza".

Sia Moccia che Forte non mancano di ricordare Andrea Raineri, assessore della prima ora, entusiasta e capace. "Ci ha dato tanto - dicono - e di certo, oggi, anche lui sarebbe qui con noi".

Guardare al futuro con l'orgoglio di quanto è già stato realizzato è anche il messaggio del capolista (e consigliere provinciale), Costantino Zappino: "Abbiamo fatto tanto in questi anni: manutenzioni, risanamento del bilancio, investimenti che daranno i propri benefici per almeno vent'anni. E abbiamo potuto fare politica in consiglio, discutendo di temi di carattere nazionale che toccano però la vita di tutti noi".

Alberto Fragapane racconta un'amministrazione capace di incidere sulla vita delle persone e soprattutto dei giovani. "Amazon ha portato posti di lavoro veri e tanti ragazzi hanno potuto costruirsi una vita insieme qui in città. Abbiamo scelto di aggredire il debito di 16 miioni di euro che abbiamo ereditato, riducendolo in modo importante per poter avere l'opportunità di investire il prima possibile. E' troppo comodo fare come chi ci governa: affacciarsi a un balcone per dire che la povertà è stata eliminata. I partiti che ci governano a livello nazionale si stanno prendendo il nostro futuro per godersi il loro presente. Noi abbiamo fatto una scelta diversa. Non di riprenderci la città, come qualcuno dice, ma far riprendere la città, farla ripartire".

L'ultimo passaggio, politico, è di Massimo Bignardi, entrato in consiglio comunale in sostituzione di consiglieri che ritenevano "non più percorribile l'esperienza amministrativa" e approdato ora al Partito Democratico. "La situazione politica attuale - è il suo pensiero - dovrebbe spingere tutti i democratici a cercare il dialogo e la collaborazione, superando i distinguo. Ho partecipato al Laboratorio democratico, ma non condivido la chiusura emersa nei confronti di quest'esperienza amministrativa. Perciò ho scelto di entrare nel Pd e di ricandidarmi, portando avanti, naturalmente, quelle che sono le istanze di un uomo di sinistra".

Una mano allungata, verso gli elettori a sinistra del Pd, arriva anche da Gaietta: "Abbiamo avviato un dialogo che ora si è fermato. Speriamo possa essere ripreso".

Ecco i componenti della lista Pd: Costantino Zappino, Alberto Fragapane, Claire Marie Mortarotti Mbatazi, Marilina Amisani, Massimo Bignardi, Francesco Bodo, Ivano Brunetta, Alessandro Coppo, Michele Cressano, Marco Aurelio Dabbene, Marco Del Ciello, Michele Gaietta, Andrea Gastaldi, Samuele Giatti, Giorgio Grassino, Patrizia Jorio Marco, Miriam Leone, Carola Lorio, Maria (Mariella) Moccia, Simona Motta, Manuela Naso, Carlo Nulli Rosso, Rosario Orlando, Niello Pietropaolo, Graziella Ranghino, Pier Luigi Ranghino, Carola Rigoni, Sara Rocutto, Francesca Tini Brunozzi, Teresa Toscano, Rosaria Vinci, Mino Vittone.

fr

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore