/ Attualità

Attualità | 18 aprile 2019, 13:30

Trasferimento in vista per il comandante della Polizia locale

TEMPO DI SALUTI E BILANCI PER ROBERTO RIVA CAMBRINO, CHE ASSUME IL COMANDO A PARMA

Il sindaco Maura Forte e il comandante Roberto Riva Cambrino

Il sindaco Maura Forte e il comandante Roberto Riva Cambrino

Lascia Vercelli per Parma il comandante della Polizia locale, Roberto Riva Cambrino. Il trasferimento, che per il dirigente rappresenta un significativo passo avanti in carriera, avverrà nei prossimi mesi, con modalità - concordate tra i primi cittadini dei due centri, Maura Forte e Federico Pizzarotti - pensate per evitare che Vercelli si trovi senza il dirigente di due settori strategici della macchina comunale (Polizia locale e Politiche sociali).

"Ringraziamo il comandante per l'importante lavoro svolto in questi anni - è il saluto del sindaco -: abbiamo vissuto un percorso parallelo nella macchina amministrativa e grazie all'impegno di un dirigente serio e motivato abbiamo ottenuto importanti risultati. Quando si prospettano queste possibilità di carriera è giusto sfruttarle, mettersi in gioco e partire per sfide nuove".

Dal canto suo Riva Cambrino, arrivato nel 2014 da Chivasso, dopo la morte del predecessore Giorgio Spalla, ha tracciato un quadro molto positivo dell'esperienza che si va a chiudere. "Ho dato molto a Vercelli, ma Vercelli mi ha dato tutto: l'accoglienza, la possibilità di crescere professionalmente giorno dopo giorno, e ora la possibilità di cogliere quest'occasione di avanzamento professionale. Lascio questa città nella convinzione che la pubblica amministrazione debba essere servita con umiltà e orgoglio e che l'impegno di tutti noi debba essere quello di risolvere i problemi dei cittadini, lavorando per eliminare gli ostacoli che rendono difficile la vita delle persone".

Un ringraziamento speciale, da parte di Riva Cambrino, è andato ai tre dipendenti che, dalla loro posizione organizzativa, lo hanno supportato in tante attività: Ivana Regis, per la Polizia locale, Sara Pitaro e Gabriele Brugnetta per il settore Sociale. "Colleghi insostituibili - ha detto - che hanno anche sopportato il mio carattere non facile e che hanno reso possibile tante delle nostre iniziative".

fr

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore