/ Sport

Sport | 13 aprile 2019, 14:34

Affondo contro Comune e Skating

SERGIO SILVA: POSSO PARLARE LIBERAMENTE, DAL MOMENTO CHE LASCIO VERCELLI E L'AMATORI

La conferenza stampa di Silva e Tarsia al circolino dell'Isola

La conferenza stampa di Silva e Tarsia al circolino dell'Isola

Attacco all'Amministrazione comunale (soprattutto all'assessore Coppo) e allo Skating da parte dell'Amatori, o meglio da parte dell'allenatore, Sergio Silva.

«Il prossimo anno non ci sarò, non sarò più l'allenatore dell'Amatori, e quindi non ho nessun interesse. Ma voglio che si sappia la verità», dice.

È polemico Silva: «C'era qualcuno, qui a Vercelli, che sperava che noi retrocedessimo. E invece ci siamo salvati con tre giornate di anticipo. E al presidente ho sempre detto le cose in faccia: quando c'erano ritardi nello stipendio mio e dei miei giocatori glielo dicevo. Ma voglio cominciare parlando della pista: non è vero che non ci fossero problemi, leggete qua...».

Mostra una lettera, firmata da lui e dai giocatori (sono leggibili solo alcune firme).

Dichiarazione dei giocatori di A1 dell’H.C. Amatori Vercelli

Vercelli, 28/03/2019

La presente per comunicare che nella giornata di ieri 27/3/19 abbiamo iniziato l'allenamento in condizioni di pista impraticabile, dove la mancanza di tenuta della stessa, ci hanno portato a decidere di interrompere la seduta, in quanto avremmo corso il rischio di infortunarci seriamente, mettendo a serio rischio la nostra carriera ed il nostro futuro di giocatori Professionisti.

Al rientro negli spogliatoi, si è presentata una nuova situazione di disagio nello scoprire che l’acqua che ci attendeva nelle docce era fredda, attendendo diversi minuti, constatando che l’acqua calda non arrivava, ci siamo infine decisi a lasciare il Pala Pregnolato, senza fare la doccia. Sempre in merito alle docce, più volte è stato segnalata che con la sostituzione del soffione il getto era insufficiente.

Oggi, dopo un’apertura in ritardo del palazzetto, prevista per le ore 14.30, abbiamo nuovamente scoperto che l’acqua nelle docce è fredda, vista l'imminente partita di campionato, abbiamo deciso di sostenere ugualmente la seduta di allenamento.

Venuti a conoscenza della volontà del Gestore di non volerci far proseguire gli allenamenti dopo il 31 marzo, pur avendo impegni nella Federacion Cup, che ci vedrà impegnati per la chiusura definitiva della stagione regolare, non possiamo non far presente gli avvenimenti accaduti in questi ultimi mesi.

Nel corso di questi otto mesi, abbiamo sostenuto sedute di allenamento in condizioni pericolose per il nostro fisico, tali condizioni sono peggiorate con l’accensione del riscaldamento, che ha portato ad un maggior deposito di polvere sulla pista e quindi ad una maggiore scivolosità, con il rischio di stiramenti e strappi ad adduttori e abduttori; a fronte di tale problematica abbiamo richiesto ed ottenuto negli ultimi tre mesi circa, di dedicare 10 minuti del nostro allenamento, di poter provvedere direttamente al lavaggio della pista ed alla conseguente rimozione della polvere, per poi lavorare in sicurezza; stessa cosa dicasi per diverse partite ufficiali per cui alcuni dirigenti della società si sono adoperati a lavare la pista mezz'ora prima dell'incontro, per creare le condizioni ideali per disputare le gare.

Purtroppo ci sono stati altri spiacevoli episodi, spegnimento delle luci improvviso durante la fase finale dell’allenamento, così come l'episodio di due settimane fa, dove le luci sono state spente senza preavviso, proprio nella fase finale, dove era in corso una partita ed a quel punto se fosse stato scagliato un tiro, una persona sulla traiettoria non avrebbe potuto evitare di essere colpita (nell’Hockey è già alta la possibilità di essere colpiti, figuriamoci senza luci) in quell'occasione ci venne detto dalla Sig.ra Marinella che l'orologio nel locale del gestore era avanti rispetto a quello del tabellone in campo.

Si fa inoltre presente che il giorno sabato 9 marzo, l'apertura è avvenuta in ritardo di un’ora e un quarto ed in un’altra occasione di mezz'ora.

Visto, quanto sta accadendo nell’ultimo periodo, abbiamo deciso di sottoscrivere tutti quanti insieme questo documento, visto l'aumentare del rischio di infortunio per le nostre persone e a fronte dell’aver saputo che è stato deliberato un provvedimento per cui la pista può essere lavata solo tre volte alla settimana, cosa che chiaramente è diventata operativa da tempo, viste le condizioni in cui ci troviamo ad allenarci.

Ci auguriamo, per il prossimo mese, fitto di impegni per la disputa della fase finale di campionato, di poter disputare allenamenti e partite in condizioni di sicurezza per le nostre persone.

Giocatori e l'allenatore AMATORI VERCELLI


L'affondo (contro Amministrazione e Skating) è arrivato nel finale. «Eppure l'anno scorso, nonostante gli stessi ritardi nei pagamenti, questi problemi non c'erano, basta domandare ai giocatori hanno giocato in entrambi i tornei».

Volete quindi dire che da parte del Comune c'era un atteggiamento benevolo forse perché in società c'era anche Alvise Racioppi?

Tarsia ci guarda, non dice nulla. Solo una piccola smorfia di chi tace per acconsentire.

E infine, il giallo della porta che sarebbe stata forzata, prima di una partita di serie B. «E' vero, c'è stato un difetto di comunicazione da parte nostra, abbiamo quindi interpellato l'assessore Coppo, che ci ha detto che potevamo perdere a tavolino. Allora siamo riusciti a contattare il sindaco, che era presente  quando Tarsia ha alzato la porta sui perni, senza forzarla. Il fabbro? Certo, è intervenuto, ma come dimostrano le immagini in nostro possesso ha aggiustato la porta di sinistra. Noi siamo entrati da quella di destra».
Ai giornalisti è stata mostrata una fotografia (tratta da un filmato) in cui si vede la Forte, riconoscibilissima, seppur girata. «Nell'occasione ha fatto quello che deve fare un sindaco».

Polemico, Sergio Silva, anche con lo Skating: «Hanno lamentato poca educazione dei miei ragazzi, e poi sono andati a chiedere loro la stecca con la firma... Un venerdì, dopo l'allenamento abbiamo visto che la pista veniva lavata, per mezz'ora almeno. Chissà perché, dal momento che il giorno dopo avremmo giocato in trasferta...».

rb

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore