/ Attualità

Attualità | 09 aprile 2019, 14:51

Infermieri di famiglia e comunità: iscrizioni al Master

UPO, UNIVERSITA' DI MILANO, ASL VERCELLI E ASST OVEST MILANESE ALLEATI PER LA FORMAZIONE DI UNA NUOVA FIGURA SANITARIA QUALIFICATA

Gianluca Aimaretti (Upo) e Chiara Serpieri (Asl Vc)

Gianluca Aimaretti (Upo) e Chiara Serpieri (Asl Vc)

Sono 50 i posti al Master per infermieri di famiglia e di comunità istituito, per il quarto anno, dall'Università del Piemonte Orientale. Un master inter-ateneo, organizzato con l'Università di Milano, che verrà svolto in collaborazione con l'Asl di Verccelli e con l'Azienda sanitaria di Magenta.

Dal canto suo, l'Asl di Vercelli finanzierà il percorso di studi per nove dipendenti che poi verranno destinati alle case della salute del territorio per replicare la positiva esperienza di Santhià, dove i cinque infermieri di famiglia e di comunità già in servizio hanno creato un percorso virtuoso di accesso alle cure, di prevenzione e di presa in carico precoce per oltre 50 pazienti cronici e per le loro famiglie.

"La creazione di figure qualificate di infermieri di comunità - spiega la dirigente dell'Asl, Chiara Serpieri - rappresenta uno dei perni del nostro piano di assistenza territoriale e per questo investiamo nella formazione del personale".

Il master ha la durata di un anno ed è articolaro su sei moduli di lezioni frontali (tre dei quali si svolgeranno a Vercelli e tre a Magenta); un periodo di tirocinio osservazionale nelle strutture in cui la figura è già attiva e una fase di elaborazione della tesi. Requisiti di partecipazione, bando e modalità di iscrizione possono essere scaricati dal sito dell'Università del Piemonte Orientale, nella sezione Master, mentre le domande vanno presentate entro il 3 maggio (QUI IL LINK DIRETTO).

"Per l'Università del Piemonte Orientale - spiega Gianluca Aimaretti, direttore del Master e del Dipartimento di Medicina Traslazionale dell'Upo - è un privilegio organizzare la quarta edizione del Master insieme all'Università di Milano. Inoltre avere come partner l'Asl di Vercelli e l'Azienda sanitaria di Asst Ovest Milanese conferisce al master un valore aggiunto che unirà formazione e assistenza".

Questi professionisti, presenti già da tempo in varie realtà del Paese, hanno un ruolo diverso rispetto all'infermiere dell'Adi (l'assistenza domiciliare integrata). "Agiscono sul versante della prevenzione, per prevenire l'insorgere di malattie croniche, e dell'assistenza, aiutando pazienti fragili e famiglie a gestire il percorso di cura. Diventano tutor dei pazienti e delle loro famiglie e sentinelle della salute".

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore