/ Politica

Politica | 04 aprile 2019, 16:24

"I centri commerciali a Porta Torino? Li ha voluti il centro destra"

NOTA DELL'AMMINISTRAZIONE COMUNALE: IL PIANO REGOLATORE VIGENTE E' QUELLO APPROVATO DALLA PRECEDENTE AMMINISTRAZIONE COMUNALE

"I centri commerciali a Porta Torino? Li ha voluti il centro destra"

Il Comune non ci sta a passare per "killer" delle attività commerciali del centro a causa dell'arrivo di due nuovi supermercati nell'area commerciale di Porta Torino e, in una nota stampa, ripercorre la storia e la destinazione d'uso della zona, così come è stata ereditata dalla precedente amministrazione.

Ecco la nota diffusa dal Servizio di Comunicazione istituzionale

"Con delibera del Consiglio Comunale n. 97 del 26.11.2008 veniva approvato il Piano Esecutivo denominato "A24 S.U.E. Via Torino", sostanzialmente l’individuazione della zona in questione nel Piano Regolatore Generale con destinazione d’uso commerciale.
In data 23.01.2009 veniva firmato l'atto di convenzione urbanistica con il quale venivano disciplinati gli interventi edilizi da effettuarsi nell'ambito del Piano sopracitato;
In data 19/05/2009 veniva rilasciato Permesso di Costruire n. 83/09 alla società Sidi s.r.l. per "L'esecuzione di lavori ed opere edilizie riguardanti la costruzione su lotto di terreno inedificato, ricompresa nel perimetro del Piano denominato "A24 S.U.E. Via Torino", di un capannone predisposto per l'uso commerciale con annessi servizi igienici, spogliatoi, uffici etc, ubicato in questo Comune in via Torino" (Decathlon;
In data 26.05.2010 veniva quindi rilasciata Autorizzazione Commerciale n. 3660 in capo alla ditta Decathlon Italia s.r.l.;
In data 07/03/2016 veniva presentata richiesta di Permesso di Costruire per la "Realizzazione di nuovo capannone con destinazione d'uso commerciale.
In data 25/07/2018 da parte di EDI.ECO s.r.l. è stata presentata richiesta di Avvio Procedimento Unico per la realizzazione di un edificio commerciale con due unità di vendita in espansione all'area Decathlon in strada Torino/via Veterani dello Sport, rilasciato dopo l'istruttoria di rito, in data 27/11/2018 al n. 10/2018 del Registro dei Provvedimenti Unici.

Si ritiene corretto e opportuno precisare che ai sensi di quanto disposto dalla vigente normativa regionale in materia di commercio, il rilascio di autorizzazioni commerciali in aree comprese in addensamenti o localizzazioni non è atto discrezionale ma atto giuridicamente dovuto, fatto salvo il rispetto dei parametri e delle procedure di legge.

“Io capisco – precisa il sindaco Maura Forte - che in vista delle prossime scadenze elettorali ci sia smania di affondare ciò che gli avversari politici hanno proposto o fatto, ma da questo ad addossare responsabilità che non ci sono e non possono esserci ce ne passa! Le autorizzazioni ai nuovi insediamenti commerciali non permettono discrezionalità e l’Amministrazione non può stabilire se e a chi concedere le autorizzazioni stesse. E’ il piano regolatore che stabilisce dove è possibile insediare i centri commerciali e il Piano Regolatore vigente è del 2008. Agli uffici, non al Sindaco e alla Giunta, spetta verificare che le richieste siano consone a leggi e regolamenti in vigore e rilasciare o meno le autorizzazioni. Senza alcuna discrezionalità da parte di alcuno. Oggi dobbiamo rifarci a quello in vigore che non ha ancora esaurito la sua validità decennale”.

redaz

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore