/ Politica

Politica | 22 marzo 2019, 19:03

Campominosi passa con Scheda

E SI RICANDIDA ALLE PROSSIME ELEZIONI

Campominosi passa con Scheda

Riceviamo e pubblichiamo.

Perché il cambiamento sia concretamente possibile, realisticamente attuabile, bisogna che il timone verso un nuovo percorso della città e dei cittadini sia affidato ad una persona, un Sindaco, credibile ed affidabile.
Credibile ed affidabile per qualità morali.
Credibile ed affidabile perché competente e stimato nella propria professione: è la nostra professione che ci rende veramente liberi.
Credibile ed affidabile per l’esperienza politica maturata.
Ho riconosciuto questi valori nel candidato Sindaco Roberto Scheda, una personalità il cui bagaglio di conoscenza può essere investito per il futuro della città, valorizzato dalla squadra che sta mettendo in campo.
Per questo ho aderito all’invito che mi è stato rivolto e posso oggi annunciare che sarò candidato al Consiglio Comunale di Vercelli nella lista “Voltare pagina”.
Voltare pagina non vuol dire prepararsi a leggere, nella pagina successiva, un altro capitolo della solita storia, scritta da altri, tantomeno da poteri forti che altro non tutelano – fortemente – se non i propri interessi.
Voltare pagina vuol dire prepararsi a scrivere, tutti insieme, una nuova storia, la nostra, di giovani, donne e uomini, che guardano al domani credendo che a Vercelli sia possibile e si debba vivere bene, lavorare, formarsi una famiglia, usufruire di servizi adeguati ed all’altezza dei tempi.
Insieme agli altri candidati al Consiglio Comunale ed al candidato Sindaco stiamo preparando il programma che ben presto offriremo alla città.
Nel programma, gli impegni che ci assumeremo.
Già oggi, però, posso fare una promessa.
Una promessa la cui credibilità lascio giudicare a chi conosce me e la mia famiglia.
Una promessa per la città e per la mia attività in Consiglio Comunale, se avrò la fiducia ed il consenso dei miei concittadini, che chiedo con umiltà e con la dignità data dalla buona fede.
Prometto che lavorerò seriamente.

Paolo Campominosi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore