/ Politica

Politica | 19 marzo 2019, 07:22

La Lega: "Difesa d'ufficio sulle questioni contabili"

NON SI FERMA LA POLEMICA SUL DISAVANZO TECNICO

La Lega: "Difesa d'ufficio sulle questioni contabili"

Riceviamo e pubblichiamo.

Può capitare nel difendere un proprio caro o solamente un collega o Il sindaco della giunta di cui si fa parte di commettere degli errori, magari dettati dalla frenesia o dalla bramosia dell’ergersi a strenuo difensore di una verità che sembrerebbe, il condizionale rimane d’obbligo, leggermente diversa. L’assessore Coppo, nel far questo,sembrerebbe dimenticare il vecchio adagio che recitava: la matematica non è un’ opinione. Come  può affermare che il “maggior disavanzo”  tecnico (16 milioni)  sia di un milione in più, dal momento che il risultato della moltiplicazione di  di euro 511.000 (rata annua) per 30 anni, come dallo stesso rappresentata, è pari a euro 15 milioni 330 mila! È perlomeno singolare, dettato forse dalla smania di far bene e di voler difendere le affermazioni del proprio sindaco, che un assessore al bilancio confonda il “principio di cassa” con quello di “competenza”, parlando di incassi e pagamenti anziché di debiti e crediti e ometta in quel che sembra un confuso ragionamento, di parlare di quanto l’introduzione del fondo crediti dubbia esigibilità (15 milioni di euro circa) abbia condizionato il risultato del “maggior disavanzo” tecnico al 31 dicembre 2014 ! L’assessore  Coppo come  può negare che il risultato di amministrazione, approvato dalla giunta lo stesso giorno del riaccertamento straordinario,  fosse positivo di 2 milioni e trecentomila euro e che il “maggior disavanzo” tecnico è solo la conseguenza di un cambiamento dei principi contabili e dell’esigibilità delle obbligazioni ? Tra l’altro, l’assessore non  dovrebbe attribuire dei meriti a questa amministrazione che non ha e, sperando di non tediare alcuno con passaggi tecnici, si ricorda che  il comune di Vercelli trovandosi  in una situazione di “maggior disavanzo” tecnico,non ha potuto per legge utilizzare negli ultimi 5 anni la “quota libera” dell’avanzo di amministrazione per gli investimenti, ma ha potuto utilizzarla solo per l’abbattimento del “maggior disavanzo”. Auspicando che gli sia sfuggita, in quanto ritengo l’assessore in questione persona per bene, e non che sia stata appositamente dimenticata, gli suggerirei di approfondire la nuova legge di stabilità (legge 145-2018 commi 897-900), perché dal 2019, sono cambiate le regole per l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione, di conseguenza il comune  di Vercelli può fare più lavori!

Infine l’assessore  non faccia quel che sembra ai più del terrorismo mediatico: la Corte dei Conti fa il suo mestiere di routine e normalmente gli enti trasmettono questionari, bilanci e rendiconti senza particolari procedure di certificazione e, per il principio che tutti ci accomuna ovvero quello della massima trasparenza, per dovizia d’informazione pubblicasse il verbale d’ispezione della Ragioneria Generale dello Stato effettuata presso il Comune di Vercelli nel 2013, dalla quale emerge che l’ente non presentava una situazione deficitaria. Ribadisco la massima stima nell’assessore in questione, seppur schierati su fronti diversi, ma non ci si faccia irretire dalla volontà a tutti i costi di una difesa politica, che nulla porta se non argomentata in modo chiaro e senza dimenticanze alcune dato che quest’ultime potrebbero falsare il legittimo confronto tra le parti.

Gian Carlo Locarni Segretario cittadino Lega Salvini Premier

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore