/ Pro Vercelli

Pro Vercelli | 09 marzo 2019, 11:40

Grieco: «Giocare con rabbia, senza perdere la lucidità»

CLASSIFICA MEDIA PUNTI: LA PRO VERCELLI E' TERZA - DOMANI ARRIVA IL SIENA, UNA DELLE MIGLIORI SQUADRE VISTE NEL GIRONE D'ANDATA

Vito Grieco (foto Ivan Benedetto)

Vito Grieco (foto Ivan Benedetto)

Tre sconfitte consecutive, certo, ma è anche vero che nelle ultime 15 gare la Pro Vercelli è la squadra che ha fatto più punti dopo l'Entella. E al Piola, domani, arriva un avversario di tutto rispetto.

«Vincemmo, ma il Siena ci mise sotto, giocò bene ma perse. Insomma, è una signora squadra. Noi però dobbiamo giocare con rabbia, ma senza perdere la lucidità. Dobbiamo continuare a credere in noi stessi e nella “prestazione”, magari mettendoci più malizia e cattiveria» dice il tecnico della Pro Vercelli, Vito Grieco.

Tre sconfitte consecutive bruciano «ma dobbiamo allontanare gli incubi dei gol subiti al novantesimo oppure su palla inattiva. Quanto successo nelle ultime tre gare solitamente succede nell'arco di una stagione, vuol dire che abbiamo fatto il pieno. Si volta pagina», prosegue.

Domani, Grieco avrà a disposizione Germano, mentre Tedeschi (che proprio a Siena disputò una buona gara, meritando la maglia da titolare, poi) resterà ancora fuori mentre il brasiliano eVolpe («a cui manca soprattutto il minutaggio, e quindi non è il caso di fare esperimenti a partita in corso») non verrà impiegato.

Tre sconfitte «ma ai ragazzi non ho proprio nulla da rimproverare. Mi hanno fatto arrabbiare altre volte, anche in partite che abbiamo vinto. Io però devo leggere la partita, andando oltre la prestazione» dice ancora Grieco.

«Il Pisa, che è una macchina da gol e che, quando gioca in casa, crea occasioni su occasioni, ha avuto più controllo della palla rispetto a noi, ma ha tirato tre volte soltanto verso la nostra porta. Il Pisa ha vinto per due nostri autogol, succede. Ma, ripeto, ai ragazzi non ho nulla da rimproverare. Paura? No, non hanno giocato con paura. È stato bravo il Pisa, soprattutto all'inizio, a pressarci. Noi abbiamo commesso un solo errore, un errore commesso altre volte: creare occasioni da gol e non finalizzarle».

Pensierino finale. Alcuni tifosi hanno criticato il gioco e quindi anche il mister. Una critica priva di fondamento, diciamo noi. Nelle gare che si sono viste il miglior gioco lo ha espresso la Pro Vercelli, in diverse occasioni, pressando alto con i tre stantuffi (i due esterni e il centrale) alle spalle di Morra, avanzando la linea della mediana. Ha forse impressionato il gioco dell'Entella, o del Piacenza o della Carrarese? O del Novara che è stato “costruito” per risalire? Chi insomma critica la Pro e il suo gioco dovrebbe anche dire da che parte sta il gioco-spettacolo.

Certo, alla Pro Vercelli manca un bomber da B, uno come Pesenti, in coppia con Morra, farebbe sfracelli (oddio, manca sempre la controprova).

E comunque: non dimentichiamoci che la classifica della media punti a partite vede la Pro Vercelli al terzo posto. Questa classifica.


Entella: 2,12 punti partita (25 disputate)

Piacenza: 1,81 (27 disputate)

Pro Vercelli: 1,76 (26 disputate)

Arezzo: 1,75 (28 disputate)

Siena: 1,71 (28 disputate)

Pisa: 1,71 (28 disputate)

Carrarese: 1,64 (28 disputate)

Pro Patria: 1,53 (28 disputate)

Novara: 1,46 (28 disputate)

eccetera


Questa classifica ci dice due cose: che la Pro Vercelli non è lontana dal secondo posto. E che il Siena è un avversario rognoso.

rb

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore